IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Pescina, sussidi per il servizio civico comunale

di Lucia Ottavi

L’Amministrazione Comunale di Pescina, su proposta dell’Assessore alle Politiche Sociali, dottor Giovanni Mostacci, viste le continue richieste di sostegno economico da parte di famiglie disagiate ha approvato, così come fatto per gli anni trascorsi, il bando per la concessione di sussidi per lo svolgimento del Servizio Civico Comunale.

«L’attivazione di tale servizio – si legge nella nota inviata dall’ufficio stampa del Comune – che si è reso possibile grazie alla creazione di un “tesoretto” ricavato dal taglio del 30% delle indennità di funzione degli amministratori, è finalizzato al reinserimento sociale mediante l’assegnazione di un impegno lavorativo alle persone i cui nuclei familiari versano in condizioni di indigenza. Questa linea d’intervento costituisce una forma di assistenza alternativa all’assegno economico ed è rivolto prioritariamente a persone abili al lavoro, di età compresa tra i 18 e i 65 anni, disoccupati o che hanno perso il lavoro e sono privi di coperture assicurative o di qualsiasi forma di tutela da parte di altri Enti Pubblici e abbiano una certificazione ISEE (ISEE 2014 – redditi 2013), riferita al nucleo familiare, non superiore a € 5.000,00 annui, comprensivi dei redditi esenti IRPEF».

«I cittadini ammessi al servizio civico – continua la nota – potranno essere utilizzati, in ambito comunale, per svolgere servizi di utilità collettiva quali: apertura, chiusura, pulizia, vigilanza e custodia dei locali comunali; manutenzione degli edifici di pertinenza dell’Amministrazione Comunale; cura e manutenzione del verde pubblico; attività di salvaguardia, ripristino e tutela del patrimonio comunale nelle zone esposte al pubblico con la finalità di migliorare il decoro urbano; attività di supporto da espletarsi presso gli uffici o strutture pubbliche (es. collaborazione con il supporto alle iniziative culturali, sportive di spettacolo organizzate, gestite o patrocinate dall’Amministrazione Comunale); ogni altra attività che l’Amministrazione Comunale ritenga utile promuovere in base alle esigenze del territorio, purché consenta l’inserimento sociale dei soggetti chiamati ad espletarla».

Il servizio sociale comunale, nel valutare le richieste, provvederà a sommare o sottrarre i punteggi in base alle situazione economica, patrimoniale e familiare, creando una graduatoria su cui si attingerà in base alle esigenze dell’amministrazione, e comunque fino ad esaurimento dei fondi messi a disposizione. L’incarico in questione non da’ luogo a successivo rapporto di pubblico impiego, né a qualsivoglia forma di lavoro subordinato, trattandosi di iniziativa avente come scopo principale quello di favorire l’integrazione sociale dei soggetti interessati.

[url”Torna alla Home Targatoaz.it”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=221[/url]

X