IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

Paganica Rugby, la squadra promette bene

Conquistare non solo la vittoria, ma aggiungere a questa anche il bonus offensivo in modo da continuare a tenere più viva che mai la possibilità di centrare il terzo posto in classifica, ultimo utile per assicurarsi in un solo colpo la salvezza (obiettivo dichiarato di inizio stagione) e la possibilità di disputare la pool per la promozione.

Questo l’imperativo per il XV del Paganica Rugby che, dopo l’affermazione esterna sul campo della Union Viterbo, tornerà sul terreno amico dello “Iovenitti” per ricevere la vista della Emergenti Cecina.

Numeri alla mano, il match non dovrebbe avere storia.

Finora, infatti, il Paganica in casa è stato un vero e proprio rullo compressore, capace di imporre la sua legge sportiva a tutte le compagini che gli hanno fatto visita.

Di contro, il Cecina staziona all’ultimo posto della classifica ed è ancora alla ricerca del primo acuto della stagione, vantando uno score di 8 sconfitte in altrettante gare disputate.

Ma guai a sottovalutare la compagine di coach Ceccherini.

Nell’ultimo match, giocato sul rettangolo verde del “Castellani”, i rossoblu cecinesi hanno infatti dato segnali di compattezza e crescita, cedendo si alla capolista Civitavecchia Centumcellae, ma solo di stretta misura, con uno score finale di 17-7.

Sintomo di una forte volontà di combattere su ogni punto d’incontro in modo da onorare al meglio questo ultimo scorcio di prima fase di campionato.

In quest’ottica una grande spinta, al team toscano, la stanno dando i ragazzi aggregati alla prima squadra dalle giovanili.

Esempio paradigmatico di questo stato di cose, il fatto che la meta contro il Civitavecchia l’abbia segnata Battiata, capitano della Under 18 rossoblu alla sua prima presenza tra i seniores.

Insomma, da parte paganichese l’approccio al match dovrà essere dei più convinti: fondamentale sarà sia applicare con il giusto timing gli schemi dettati da coach Sergio Rotellini così da scardinare la rete difensiva toscana sia, sopratutto, nelle fasi statiche, blindare mischie e touche così da non dare modo agli ospiti di sviluppare un gioco veloce al largo.

L’ultima notazione riguarda le divise da gioco che saranno indossate da capitan Stefano Ciampa e compagni: abbandoneranno il completo giallo che li ha accompagnati finora, per tornare al canonico e storico rossonero a bande orizzontali.

X