IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Patrimonio Umanità, mobilitazione pro Gran Sasso

C’è una autentica chiamata a raccolta e mobilitazione di abruzzesi, italiani e italiani residenti all’estero a sostegno della candidatura del Gran Sasso d’Italia, la più alta montagna dell’Italia peninsulare, ad essere incluso nella Lista del Patrimonio Naturale dell’Umanità.

«Le prime positive reazioni che provengono da più parti a sostegno della candidatura testimoniano che in questa fase della nostra storia, di particolare difficoltà economica e sociale, prevale un convinto desiderio, da parte della gente, di stare assieme ed aggregarsi attorno ad un progetto nobile e condivisibile e in grado di provocare un risultato virtuoso per tutti». Lo afferma Walter Mazzitti, già presidente del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, nonché coordinatore dell’Associazione “Amici del Gran Sasso d’Italia”, nel valutare i primi risultati dall’avvio dell’iniziativa che mira ad aggregare giovani, istituzioni pubbliche e private, nazionali e regionali, università, imprese e associazioni.

Giungono le prime positive reazioni anche dalle comunità di italiani residenti all’estero, Canada, America Latina, Usa, Australia e paesi europei, animati dal risveglio di antichi sentimenti, desiderosi di prendere parte ad un progetto condivisibile e aggregante, che richiede sostegno morale in questa prima fase, ma anche di partecipazione materiale all’avvio di un processo di rilancio del Gran Sasso d’Italia e della montagne dell’Appennino per un nuovo sviluppo sostenibile.

Il recupero del Borgo mediceo di Santo Stefano di Sessanio con il suo Albergo diffuso, ormai noto in ogni parte del mondo, testimonia che le aree interne montane con il loro straordinario potenziale, con la loro unicità e ricchezza in termini di paesaggi e di patrimonio culturale, sono pronte a ricevere l’ambito riconoscimento dell’Unesco e a scrivere una nuova storia sul Gran Sasso d’Italia con la partecipazione di tutti, agricoltori, pastori, giovani, istituzioni, imprese consapevoli e il sostegno di tanti italiani di successo all’estero desiderosi di mettere a frutto nella terra di origine i risultati dei passati sacrifici.

X