IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Giornata Mondiale Contro HIV, Arcigay Aq sfila in città

Il primo dicembre ricorre la Giornata Mondiale Contro l’HIV. Sabato sera, i ragazzi e le ragazze di Arcigay L’Aquila, bandiera “rainbow” in spalla, hanno passeggiato per le vie del centro storico, fermando i passanti per distribuire materiale informativo e condom, ma anche per intervistare i più giovani circa le loro conoscenze su questa malattia, per cui tutt’oggi non esiste una cura definitiva.

«I dati che riportiamo dopo questa indagine sono allarmanti» dichiara Leonardo Dongiovanni, Segretario dell’Associazione.

«Certamente non possiamo dichiarare di aver effettuato uno studio statistico, ma su un numero di cento persone intervistate di età media tra i 16 ed i 21 anni, pochissime hanno le idee chiare sull’argomento. In molti casi non vi è alcuna conoscenza circa l’HIV stessa o circa il suo rapporto con l’AIDS: la seconda, di contro, forse per una questione storica, risulta più altisonante. La sensazione è stata quella di essere proiettati indietro, nei primi anni ’90, quando si pensava ancora che la malattia si trasmettesse con la saliva e che potesse colpire solo star dissolute o tutt’al più tossicodipendenti atti a scambiarsi siringe. I ragazzi in tono più “spavaldo” provavano a rispondere in ogni caso, qualcuno ha persino tirato ad indovinare chiamando in causa l’HPV, che ha una sigla simile a quella dell’HIV, ma che evidentemente è più conosciuto, mentre le ragazze apparivano estremamente intimorite benché venissero intervistate da altre ragazze. Indubbiamente il fatto di essere riconoscibili come associazione LGBT ci penalizza quando ci apriamo verso l’esterno per parlare di temi che riguardano tutti, ma mi chiedo se nelle scuole aquilane si parli di MST. La situazione è preoccupante: così si lascia una generazione sessualmente attiva allo sbando, inducendola a credere che il problema non esista o peggio, continuando ad incrementare l’ignoranza verso quelli che storicamente furono tacciati come gli “untori” dell’AIDS. Al contrario oggi noi omosessuali siamo molto più “facilitati” nell’informazione sull’HIV rispetto ad un eterosessuale medio, perché nelle associazioni e durante le serate nei locali che frequentiamo, veniamo letteralmente “sommersi” di materiale informativo, ma chiaramente nessuno è immune se non prende precauzioni. In Italia e specie in città chiuse come L’Aquila, non esiste una cultura della prevenzione, mentre dovrebbe essere automatico usare il condom quando si hanno rapporti sessuali con persone di cui non si conosce lo stato di salute. Gli educatori e i genitori dovrebbero parlare di sesso sicuro senza indugi ai ragazzi da una certa età in poi perché l’astensione non è una soluzione realistica».

Sempre nel quadro della Giornata Mondiale Contro l’HIV, mercoledì alle 21:30 presso l’Asilo di Viale Duca Degli Abruzzi, Arcigay L’Aquila proietterà il film “Philadelphia”, sperando di poter informare sul tema più persone possibile.

X