IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Meteo: tregua breve, torna il maltempo previsioni

Più informazioni su

Dopo la breve tregua di oggi, già domani tornerà il maltempo nel centro-nord con forti piogge.

Lunedì, annuncia il Centro Epson Meteo, tempo in peggioramento con piogge in mattinata nelle regioni di Nordovest e Toscana. Maltempo in estensione nel pomeriggio al resto del Nord, al Lazio, all’Umbria al nord delle Marche e alla Sardegna. In serata peggiora anche in Abruzzo e nel nord della Campania.

Le zone a rischio forti piogge, secondo il Centro Epson Meteo, saranno: Liguria (centro-orientale), alto Piemonte, Lombardia regioni di Nordest e regioni centrali tirreniche. I quantitativi di pioggia più consistenti (tra 70-80 mm) si accumuleranno su alta Lombardia, Prealpi di Nordest, Liguria centro orientale (da Genova verso la Spezia) e alta Toscana.

«Lunedì – afferma il meteorologo Daniele Izzo – l’arrivo di un’altra perturbazione, la numero 5 di novembre, che ora sta transitando sulla Francia, porterà altre abbondanti piogge al Centronord, Sardegna e Campania, con nevicate sulle Alpi mediamente al di sopra di 1100-1200 metri. Poi da mercoledì le proiezioni a lungo termine indicano finalmente il ritorno dell’alta pressione che garantirà per più giorni una fase tempo bello e stabile su tutta l’Italia».

NUOVA ALLERTA SUL CENTRO-NORD – Nuova allerta meteo sul Centro-Nord. Dopo una breve tregua, una serie di veloci perturbazioni interesserà, da stasera, le regioni centrali, mentre domani un nuovo passaggio temporalesco colpirà prima il nord-ovest della penisola, poi le restanti regioni del nord e quelle centrali, in particolare quelle tirreniche.

Il Dipartimento della protezione civile segnala criticità rossa per alcune zone di Liguria, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto.

I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare – avverte la Protezione civile – criticità idrogeologiche e idrauliche. In particolare, il nuovo avviso prevede da domani mattina, lunedì 17 novembre, precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale dapprima su Piemonte, Liguria, Lombardia, Appennino emiliano e toscano, e dal pomeriggio anche su Veneto, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Lazio e Sardegna, in successiva estensione ai settori occidentali di Abruzzo e Molise. Sempre da domattina, inoltre, sono previsti forti venti dai quadranti meridionali, con locali raffiche di burrasca, prima sulla Sardegna e poi, dal pomeriggio, su Emilia Romagna, Lazio, Abruzzo, Molise e sui settori costieri del Friuli Venezia Giulia.

Sulla base dei fenomeni già in atto e di quelli previsti, è stata valutata quindi per domani criticità rossa per rischio idraulico sulla pianura padana emiliana e sui settori del rovigino, nonché sui bacini veneti dell’alto Brenta- Bacchiglione-Alpone, mentre la criticità resta rossa, ma per rischio idrogeologico localizzato, sulla Liguria di Levante e sui settori nordoccidentali lombardi.

È stata poi valutata criticità arancione per rischio idraulico sulla pianura padana lombarda e per il basso Brenta-Bacchiglione mentre per rischio idrogeologico sui restanti settori della Lombardia, sul Friuli Venezia Giulia, sulla Liguria centrale e parte di ponente, su gran parte dell’Emilia-Romagna, della Toscana, su tutta l’Umbria, il Lazio e la Sardegna.

Infine, è stata indicata criticità gialla sulle zone sud-orientali del Piemonte, sui restanti settori di Veneto, Liguria e Toscana, su parte dell’Emilia Romagna, delle Marche, dell’Abruzzo, del Molise e delle Basilicata, e per tutta la Campania.

Più informazioni su

X