IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Inaugurata struttura polifunzionale a Tempera

È stata inaugurata ieri mattina la Struttura polifunzionale di Tempera, che verrà adibita a funzioni socio culturali, donata al Comune dell’Aquila dalla Tavola Valdese.

Alle 12 il sindaco Massimo Cialente e l’assessore alle Opere pubbliche Alfredo Moroni hanno proceduto al taglio del nastro del nuovo Centro socio culturale, situato nell’area del quartiere Case di Tempera. Successivamente è stata sottoscritta la convenzione tra l’ente comunale e il soggetto donatore per l’acquisizione formale della struttura al patrimonio e per la gestione che, per volontà della stessa Tavola Valdese, verrà affidata all’associazione Tempera onlus.

Alla cerimonia hanno preso parte, oltre al sindaco e all’assessore Moroni, il vice moderatore della Tavola Valdese Luca Anziani, la presidente dell’associazione Tempera Onlus Rosanna Scimia, gli assessori comunali Pietro Di Stefano che, in quanto titolare della delega alla Ricostruzione, ha seguito la prima parte dell’iter amministrativo, e Lelio De Santis, i consiglieri comunali Giustino Masciocco, Ali Salem e Pierluigi Mancini e la senatrice Stefania Pezzopane che, come assessore comunale alle Politiche sociali, aveva a sua volta preso in carico l’iniziativa.

«Ringrazio la Tavola Valdese – ha dichiarato il sindaco Cialente – per questa generosa donazione. La struttura, di circa duemila metri quadri, è stata interamente progettata e realizzata grazie a questa lodevole espressione di solidarietà, sulla quale sono stati convogliati i fondi relativi all’otto per mille dell’Irpef. La nostra comunità, a seguito del sisma del 6 aprile 2009, ha potuto rialzarsi anche grazie a queste concrete manifestazioni di vicinanza. Ancora oggi, a oltre cinque anni da quella tragica notte, il problema della mancanza di spazi e di luoghi di ritrovo persiste e costituisce una priorità nelle politiche dell’Amministrazione comunale. Per questa ragione la nostra gratitudine è doppia. Per la donazione in sé e per le sue caratteristiche peculiari. Oggi la comunità di Tempera e quella aquilana avranno uno spazio in più, peraltro ampio e funzionale, da destinare a finalità e iniziative di carattere sociale e culturale. Attività e servizi vitali nella fase presente, con riferimento, in particolare, ai bambini, ai giovani e agli anziani».

«Abbiamo lavorato molto – ha aggiunto l’assessore Alfredo Moroni, dopo essersi unito ai ringraziamenti del sindaco nei confronti della Tavola Valdese – per arrivare in tempi rapidi a questo significativo taglio del nastro, un risultato per il quale sono grato agli uffici comunali che hanno dimostrato impegno e professionalità. Ricordo che la frazione di Tempera è stata una delle più colpite dal sisma. Ancora oggi se ne vedono le ferite inferte al bellissimo borgo storico che, indubbiamente, si configura come uno dei centri più pittoreschi del circondario aquilano. La caparbietà e la determinazione della comunità locale sono state determinanti nel ricostruire una socialità che, a causa del terremoto, rischiava di essere cancellata. Sono pertanto lieto che la Tavola Valdese, soggetto donatore e promotore della struttura, abbia indicato il gestore nell’associazione Tempera Onlus, operante nel settore sociale e ricreativo. Un proficuo incontro, insomma, tra pubblica amministrazione, un ente ecclesiastico di culto e un soggetto privato, espressione della comunità locale, grazie al quale quest’ultima avrà un importante luogo di ritrovo e di aggregazione».

«Questa struttura – sono state le parole del vice moderatore della Tavola Valdese, il Pastore Luca Anziani – non è una cattedrale nel deserto, bensì un contenitore di idee, progetti e socialità. Se c’è una possibilità c’è una speranza. Ecco, questo spazio vuole costituire proprio quella possibilità in più, per una comunità, che riaccende la speranza».

La presidente dell’associazione Tempera onlus Rosanna Scimia ha voluto ricordare, nel suo intervento, tutti coloro che, a vario titolo, hanno collaborato all’allestimento e alla dotazione di arredi della struttura, tra i quali la città di Crema, una cui delegazione era presente alla cerimonia, la città di Castel di Sangro, il Comune di Genzano, in provincia di Roma, e il X Municipio di Roma.

X