IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Terza Età, numeri record nella Marsica

Più informazioni su

Ventidue persone su 100, in Provincia dell’Aquila, hanno più di 65 anni, ma la Marsica, nella geografia della terza età, presenta percentuali molto più elevate: in alcuni Comuni, come Ortona nei Marsi, la percentuale schizza addirittura al 49 per cento, in pratica, metà della popolazione.

Una «vera emergenza», secondo la Asl dell’Aquila, che impone «modelli sanitari nuovi per gestire un fenomeno in forte espansione e con alti costi sanitari».

Per fronteggiare questa «emergenza senile», la Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila ha messo in piedi, da tempo, una «rete che riesce a ‘cementare’ l’azione di ospedale, distretti sanitari, assistenza domiciliare e ospedali di comunità». Un piano con cui la Asl 1 combatte «le cronicità dell’anziano over 65».

In particolare, precisa la Asl, «quelli che i medici chiamano anziani ‘fragili’, cioè di età maggiore di 75 anni (in prevalenza donne), presentano più patologie e sono soggetti a continue riacutizzazioni. Pazienti che, pur avendo una vita sempre più lunga, hanno spesso condizioni cliniche gravi e non di rado una perdita di autonomia funzionale. L’assistenza, pertanto ricade o sulla famiglia che però, quando le condizioni le condizioni sono serie non è attrezzata a garantire un sostegno adeguato, oppure sui servizi sanitari».

«La cronicità delle patologie dell’anziano – spiega ancora la Asl – rendono necessario il ricovero in strutture adeguate (come gli ospedali di comunità, settore in cui la Asl è all’avanguardia con 2 strutture da tempo operanti) a cui si affianca l’assistenza domiciliare e, per una diversa competenza, i distretti sanitari».

E’ proprio in virtù di questa rete, che oscilla tra ospedale e territorio, che la Asl 1 è riuscita a «migliorare l’efficacia delle cure agli anziani, a ridurre il trend nei ricoveri ospedalieri (oltre 1.000 l’anno a Geriatria dell’ospedale di Avezzano) e ad alleggerire il peso delle famiglie».

L’attuazione di questo modello, che «si sta rivelando vincente», è stato la centro del congresso, apertosi ieri e che si conclude oggi, sabato 15 novembre, ad Avezzano, nell’ex Arssa (dalle ore 9 alle 18.00), promosso dal direttore di Geriatria di Avezzano, Giovambattista Desideri, dal titolo: “Aging and Chronic Diseases” (anziani e malattie croniche).

{{*ExtraImg_223739_ArtImgRight_300x525_}}«Oggi gli anziani rappresentano una popolazione in continua espansione – dichiara Desideri – grazie al progressivo aumento dell’aspettativa di vita alla nascita. Spesso gli anziani presentano condizioni che necessitano di un elevato grado di assistenza che, solo in alcuni casi, può essere prestata al domicilio dell’anziano grazie all’impegno dei familiari, supportati dai servizi socio-sanitari presenti sul territorio. Gli anziani “fragili”, più di 75 anni e con più patologie, sono oggi al centro di una rete assistenziale che coinvolge ospedale e territorio e che si articola in specifici percorsi assistenziali. La nostra ASL con molta lungimiranza ha sviluppato una specifica progettualità in questo ambito, pianificando dei percorsi formativi».

[url”Torna alla Home Targato Az”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=221[/url]

Più informazioni su

X