IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Campo di calcio Coppito, la replica di Tinari

«La risposta dell’assessore allo Sport Emanuela Iorio alla mia richiesta di spiegazioni circa la futura gestione del campo di calcio di Coppito è del tutto fuorviante», così si esprime in una nota, alla luce delle nuove dichiarazioni riportate a pezzo stampa, il consigliere comunale Roberto Tinari (Forza Italia).

«L’assessore dichiara che la proroga all’attuale gestore, ossia la società Green Garden, è dovuta ad una clausola della convenzione, che riconduce alla precedente giunta comunale, sulla base della quale, avendo il conduttore eseguito dei lavori di manutenzione e adeguamento, ha maturato dei diritti alla proroga della gestione. Ricordo all’assessore che il Regolamento comunale, che non può certo essere superato da una convenzione, prevede, all’articolo 17, che tutti i lavori eseguiti da gestori di beni comuni debbano essere preventivamente autorizzati dal Comune dell’Aquila. Pertanto è inutile che si nasconda dietro un dito e cerchi alibi rispetto ad una chiara volontà di prorogare l’affidamento all’attuale gestore, dal momento che, se davvero l’Amministrazione avesse voluto riaprirne i termini con un bando, avrebbe potuto semplicemente non autorizzare gli interventi che creavano i presupposti per la proroga».

«Quanto alla possibilità per la locale squadra di calcio di fruirne, fatti salvi presunti limiti legati alla categoria nella quale milita, faccio presente che nello scorso campionato, quando la formazione, poi promossa, giocava ancora in terza categoria, non ha potuto comunque usufruire del campo, poiché era inadeguato anche per questo tipo di incontri. Invito l’assessore Iorio, infine, anziché fare dichiarazioni a mezzo stampa, a riferire sulla questione in Aula consiliare, dal momento che ho presentato, da ben due mesi, un’interrogazione sulla vicenda rimasta ancora senza risposta, nonostante il Regolamento che disciplina il Consiglio comunale preveda che quest’ultima debba essere formulata entro 30 giorni».

X