IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Palestre scolastiche comunali suddivise, criteri e canoni

Su proposta dell’Assessore allo Sport Emanuela Iorio, la Giunta comunale ha approvato la suddivisione delle palestre scolastiche di proprietà comunale nelle seguenti quattro fasce:

Prima fascia: Scuola Secondaria di I grado “Teofilo Patini” – Istituto Comprensivo “Mazzini Patini” ; Scuola Secondaria di I grado “Dante Alighieri”;

Seconda fascia: Scuola Primaria “Mariele Ventre”;

– Circolo Didattico “Amitenrum”; Scuola Primaria di Pile – Istituto Comprensivo “Gianni Rodari”; Scuola Primaria “Giovanni XXIII” – Direzione Didattica “Silvestro dell’Aquila”;

Terza fascia: Scuola Primaria “Edmondo De Amicis”- Direzione Didattica “Silvestro dell’Aquila”; Scuola Secondaria di I grado “Dante Alighieri”- sede “Giosué Carducci; Scuola Secondaria di I grado “Dante Alighieri” – sede di Paganica; Scuola Secondaria di I grado “Giuseppe Mazzini”- Istituto Comprensivo “Mazzini- Patini”; Scuola primaria MUSP di Sassa- Istituto Comprensivo “Gianni Rodari”; Scuola Primaria di Paganica “Francesco Rossi” – Direzione Didattica “Galileo Galilei”;

Quarta fascia: Scuola Primaria “Torrione” -Direzione Didattica “Silvestro dell’Aquila”; Scuola dell’Infanzia e Primaria di Roio – Istituto Comprensivo “Gianni Rodari”.

I canoni orari applicati per la fruizione delle palestre da parte delle associazioni sportive, in vigore dal primo gennaio 2015, sono stati stabiliti in 13,00 euro per la Prima fascia; 11,00 euro per la seconda; 9,00 euro per la terza e 7,00 euro per la quarta.

«L’individuazione dei criteri di classificazione delle palestre scolastiche e dei relativi canoni di utilizzo – ha dichiarato l’Assessore Emanuela Iorio – è scaturita dalla necessità di applicare una parità di trattamento tra le varie società sportive che ne usufruiscono. Fin’ora, infatti, il canone orario era per tutte le strutture pari a 13,00€ , circostanza che inevitabilmente creava una disparità, dovuta al fatto che le palestre scolastiche di proprietà comunale, presentano caratteristiche differenti tra loro».

«La classificazione delle palestre scolastiche ed il conseguente adeguamento dei canoni in funzione delle caratteristiche degli impianti potrà, pertanto, incrementare l’attività delle associazioni sportive interessate all’utilizzo, portando ad un effettivo miglioramento del servizio offerto alla cittadinanza. Tutto quanto serve a promuovere l’attività sportiva e la socialità anche attraverso l’utilizzo di strutture pubbliche comunali, funzione di fondamentale importanza per questa Amministrazione».

X