IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Consorzio di Bonifica in crisi, «La Regione ci ascolti»

«Il Consorzio di bonifica interno bacino Aterno-Sagittario versa in una crisi gravissima per mancanza di liquidità. Una situazione che ha portato al blocco del pagamento degli stipendi e all’impossibilità di garantire i servizi essenziali».

A chiedere l’intervento urgente della Regione, Feliciantonio Maurizi, segretario regionale Fai-Cisl, Marcello Pagliaroli, segretario provinciale Flai-Cgil e le Rsa del consorzio.

«I circa 40 lavoratori del consorzio, tra dipendenti e stagionali, attendono ancora il pagamento delle mensilità arretrate: due mesi per gli avventisti e un mese per gli impiegati e i lavoratori fissi», sottolineano Maurizi e Pagliaroli, «l’azienda non ha più liquidità e si rischia la paralisi totale dei servizi».

Il consorzio di bonifica si occupa delle attività irrigue e della manutenzione di fossi e canali in tutto il bacino Aterno- Sagittario.

«Domani è prevista la riunione del Comitato valutazione di impatto ambientale della Regione, chiamata ad esprimersi sull’autorizzazione per l’attivazione di una centrale elettrica localizzata a Raiano, di proprietà del consorzio, che sfrutterebbe le acque del fiume Aterno per la produzione di energia.

«La centrale – incalzano Maurizi e Pagliaroli – è ferma da vent’anni per pastoie burocratiche e per l’opposizione degli ambientalisti. Una mancata attivazione che ha prodotto un danno, per l’ente, di circa 5 milioni di euro. Un eventuale diniego all’attivazione della centrale porterebbe alla chiusura del consorzio».

I sindacati chiedono alla Regione «di dare il via libera all’attivazione della centrale di Raiano e, al contempo, di intervenire con un impegno economico straordinario immediato per consentire l’erogazione degli stipendi e l’espletamento dei normali servizi dell’ente, oltre al ripristino del contributo annuale ordinario, previsto dall’articolo 13 della legge 36. Contributo sospeso ormai da quattro anni – concludono Maurizi e Pagliaroli – che, finora, ha comportato un ulteriore danno, per il consorzio, di un milione di euro».

X