IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Precari Giustizia, presidio in Regione

Presidio di un centinaio di lavoratori abruzzesi dell’Upg (Unione precari della giustizia), a Pescara, che alle 10.30 si sono riuniti nella sede della Regione Abruzzo, in attesa di incontrare il governatore Luciano D’Alfonso.

I lavoratori, nell’ambito della giornata di mobilitazione promossa a livello nazionale, chiedono l’impegno delle istituzioni e la costituzione di un tavolo istituzionale per ottenere il «completamento del perfezionamento di tirocinio e per valutare ogni misura utile a una continuità lavorativa nel 2015».

In Abruzzo sono 203 i lavoratori precari della giustizia, a fronte dei 2.924 nazionali.

Nel 2011 avevano partecipato ad un bando regionale riservato a persone in cassa integrazione o in mobilità. Dopo due anni di tirocinio promosso dalla Regione, c’è stato dapprima un percorso di tirocinio ministeriale e poi, ad aprile 2014, un perfezionamento di tirocinio formativo la cui titolarità è del Ministero della Giustizia. Erano stati stanziati 15 milioni di euro per 460 ore di attività. Dopo le prime 230 ore, svolte fino a giugno, le attività sono state sospese e i lavoratori non hanno avuto notizie dei restanti 7,5 milioni di euro.

«Si prevedeva una continuità del percorso in base alle risorse decretate dal Ministero – spiega la coordinatrice regionale dell’Upg, Stefania Di Giovanni -, ma fino ad oggi non abbiamo potuto svolgere le 230 ore mancanti in quanto le risorse restanti di 7,5 milioni sono sparite. Oggi siamo qui per chiedere a D’Alfonso un impegno da parte delle istituzioni regionali». Presenti anche Carmine Ranieri e Sandro Giovarruscio della Cgil regionale, che ribadiscono la necessità di un tavolo istituzionale che coinvolga il coordinamento, i sindacati, la Regione e la Corte d’Appello.

«Questi lavoratori – dicono i sindacalisti – hanno fatto quattro anni di grande lavoro e questa è una delle vere politiche attive del lavoro; non si può interrompere un percorso del genere così. Anche la stessa Corte d’Appello ha riconosciuto che tutti i lavoratori hanno assunto competenze che sono utili e necessarie per gli uffici giudiziari abruzzesi».

X