IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Cresa, Lolli annuncia la ricetta anticrisi

«Il quadro generale evidenzia il perdurare di una situazione di forte criticità. Non ci troviamo di fronte a problemi facili né esistono soluzioni immediate. E’ bene ribadirlo e non lasciarsi condizionare dai propagatori di facile ottimismo. Tuttavia la Regione ha gli strumenti normativi per favorire gli investimenti, l’imprenditorialità e l’innovazione».

Lo ha detto oggi il Vice Presidente della Giunta regionale, Giovanni Lolli, nel corso della presentazione del rapporto 2013 “Economia e Società in Abruzzo” da parte del Cresa.

Lolli ha illustrato gli interventi che la Regione Abruzzo ha previsto per venire incontro alle esigenze delle imprese abruzzesi e dare ossigeno ad un settore segnato da una forte crisi.

«Circa 5 milioni di euro di economie – ha detto Lolli – generate dal cofinanziamento dei Contratti di sviluppo nazionale andranno a finanziare i Contratti di sviluppo locale. Delle aziende che avevano presentato domanda, sei potranno essere finanziate; cinque di esse sono collocate nell’area marsicana, rispondendo così anche alle critiche inesatte sulla delimitazione delle zone 107.3, lett.C) del TFUE, e andranno a sviluppare investimenti complessivi per 22 milioni di euro».

«Entro novembre, – ha proseguito Lolli – inoltre, la Giunta regionale approverà i bandi per la parte del Fas della Valle Peligna per 16 milioni di euro, che individua una consistente parte pari a 7,7 mln, destinati alle imprese che vogliono investire nell’area. Inoltre, stiamo portando in Giunta un provvedimento con cui metterò a disposizione del sistema di Confidi 14 milioni di euro per accesso al credito delle piccole imprese».

Lolli ha evidenziato anche la necessità di stare nelle politiche nazionali e di partecipare ai tavoli che contano. «Il vero problema – ha proseguito il vice Presidente – resta la restrizione del credito e la difficoltà delle attuali condizioni di accesso per le imprese a cui si aggiungono i costi energetici , la carenza di infrastrutture e la complessità delle procedure per le quali è necessario uno snellimento per consentire di attenuare le rigidità attuali e sostenere gli sforzi delle imprese in una fase così drammatica per la nostra economia».

X