Tifosi rossoblù ricordano il dramma di Contigliano

Nella prima mattinata di venerdì 3 ottobre una delegazione del gruppo promotore di 'L’Aquila mè’ - il Supporters’ Trust a sostegno dell’Aquila Calcio ormai prossimo alla sua ufficiale costituzione - si radunerà presso la stazione ferroviaria del capoluogo d’Abruzzo con l’intento di «recarsi in treno, precisamente grazie al Regionale 7032 in partenza da L’Aquila alle ore 7.22, alla stazione di Contigliano (Rieti), dove, circa un’ora dopo l’arrivo, dunque per le 9.45, darà vita ad una piccola cerimonia in ricordo delle otto vittime dell’incidente ferroviario che settantotto anni fa, il 3 ottobre 1936, nei pressi della stazione del paese reatino coinvolse la ‘littorina’ sulla quale aveva preso posto la squadra dell’Aquila Calcio, allora A.S. Aquila, chiamata per la quarta giornata del campionato di Serie B 1936-1937 ad affrontare la lunga trasferta di Verona». A comunicarlo, attraverso una nota, è lo stesso gruppo promotore di 'L’Aquila mè’.

«Fra le vittime del sinistro - si legge nella nota - vi fu l’allenatore rossoblù Attilio Buratti e molti giocatori della compagine aquilana risultarono feriti, alcuni di essi così gravemente da non poter più tornare a giocare a calcio. Con orgoglio e tenacia l’A.S. Aquila seppe rialzarsi: rinviate d’ufficio dalla F.I.G.C. tutte le partite che avrebbe dovuto disputare nel mese di ottobre e ottenuta la possibilità di effettuare nuovi tesseramenti per poter riallestire una rosa con cui proseguire il suo terzo campionato consecutivo nella serie cadetta, già il primo novembre di quell’anno, guidata dall’allenatore magiaro Kuttik, tornò in campo; al termine della stagione, impreziosita dal raggiungimento dei sedicesimi di finale di Coppa Italia, persi con il punteggio di 4-3 al termine d’una valorosa partita secca disputata in casa dell’Ambrosiana-Inter, non ebbe però modo di evitare la retrocessione. Il fatto che da allora L’Aquila Calcio non sia più riuscita ad andare oltre la terza serie nazionale ben evidenzia quanto purtroppo quel drammatico episodio abbia segnato la storia del club, frenandone l’ascesa che nel 1934 le aveva permesso in tre sole stagioni sportive disputate dalla sua nascita di approdare - prima compagine della nostra regione ad averlo fatto- in Serie B».

«Tutti i tifosi rossoblù, i cittadini aquilani nonché gli abitanti di Contigliano che, malgrado il giorno feriale, vorranno e potranno prender parte alla cerimonia, nel corso della quale il gruppo promotore del Supporters’ Trust deporrà un omaggio floreale alla memoria di coloro che furono coinvolti in quella tragedia e più in generale di quanti in quegli anni onorarono la gloriosa maglietta rossoblù aquilana - si legge ancora nella nota - saranno naturalmente i benvenuti. Chi avrà raggiunto Contigliano in treno e intenderà ripartire assieme ai ragazzi promotori del nascituro Trust potrà farlo salendo sul Regionale 7041, in partenza dalla locale stazione alle 11.40, il cui arrivo a L’Aquila è previsto per le ore 13.10».