IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

L’Aquila Calcio vs Pontedera

di Claudia Giannone

Quarto incontro stagionale per i rossoblù: mercoledì 17 settembre alle ore 20.45 mister Pagliari dovrà affrontare la prima delle due toscane consecutive sul proprio cammino. In soli quattro giorni la Lega Pro vedrà un’ampia lista di incontri da disputare, tra cui L’Aquila affronterà due avversari geograficamente limitrofi: mercoledì gli aquilani incontreranno il Pontedera e domenica sarà la volta del Tuttocuoio.

Periodo non troppo florido per il team aquilano: due punti in tre match, una rinascita che stenta ad arrivare, un gioco ancora non troppo convincente. Ma una certezza si staglia sul cielo che sormonta il “Fattori”: il tecnico di Tolentino non è in discussione.
Questo è emerso dal recente incontro di chiarimento tra le due parti, nonostante vari dubbi si stessero annidando in ogni ambito del calcio cittadino. Giudicare l’operato del mister per tre singoli incontri, dopo sedici mesi che hanno regalato grandi soddisfazioni alla squadra aquilana, non è di certo l’ideale.

Il malcontento, però, inizia a farsi sentire e, tra le voci da bar che circolano e le frasi sui social network, il pubblico rossoblù è ormai diviso in due schieramenti: i fedeli di mister Pagliari e coloro che desiderano vedere la panchina aquilana affidata ad altri. Ma la risposta della società è stata chiara: nessun dubbio, l’allenatore ha ancora tempo per convincere.

Certamente, ma di quanto tempo avrà bisogno ancora questa squadra? Siamo agli inizi del campionato, siamo in un momento particolare in cui si deve ancora cercare di capire quanto questa Lega Pro unica possa giovare e quanto, invece, possa penalizzare, ma guadagnare qualche misero punto in più non farebbe di certo male.
Per la società, al momento, non è importante guardare la classifica, ma in fondo gettare un occhio su quella scaletta non può che essere utile per iniziare a trarre delle conclusioni: basti solo osservare che, in testa, sono presenti Pisa, Pontedera e Ascoli con sette punti, mentre gli aquilani sono reclusi nella seconda colonna, con i loro miseri due punti, alla pari con San Marino, Ancona e Prato. Ben cinque punti di differenza, dunque, tra il capoluogo abruzzese e i suoi prossimi sfidanti.

Un capoluogo che si presenta ancora fragile dal punto di vista psicologico, ma che cerca un punto di partenza per questa stagione che fatica a sparare il primo vero colpo di cannone. Con Del Pinto fermo per un problema muscolare, la formazione continuerà a non subire grandi sconvolgimenti: in difesa dovrebbe tornare dal primo minuto il capitano, con Scrugli, Pedrelli e Zaffagnini, mentre nella mediana troveranno posto Corapi, Perpetuini e Zappacosta, che nel corso dell’incontro casalingo di venerdì ha impressionato il pubblico. Attacco con Perna, probabilmente affiancato nuovamente da Pacilli e Ceccarelli, altro grande innesto. Chissà che non si scelga, però, di giocare nuovamente la carta Sandomenico dal primo minuto.

La prima ripartenza sarebbe dovuta arrivare contro l’Ascoli, poi di nuovo contro il Prato: che sia questa la volta buona per dimostrare che L’Aquila è davvero in corsa per qualcosa di importante?

X