Accord Phoenix, Melilla: «Accelerare iter»

L'onorevole Gianni Melilla (Sel) ha presentato una interrogazione ai ministri del Lavoro e dello Sviluppo economico nella quale chiede «se non ritengano urgente accelerare l'iter per sbloccare l'insediamento dell'Accord Phoenix e scongiurare la scadenza dei termini di mobilità dei lavoratori e garantire un futuro occupazionale all'intera area».

«Da tempo - ricorda il parlamentare nel documento - si continua a rinviare l'attuazione dell'Accord Phoenix tenendo in attesa i circa 200 lavoratori del polo elettronico aquilano attualmente in mobilità o in cassa integrazione. L'azienda intende insediarsi all'Aquila, con un sito per lo smaltimento dei rifiuti elettronici, e ricollocare almeno 120 persone, nella prima fase di attività, all'interno degli spazi dell'ex Finmek. Il progetto è stato promosso dalle istituzioni locali, ma è fermo da oltre un anno negli uffici di Invitalia, l'agenzia del ministero dell'Economia che deve erogare i 12 milioni di contributi pubblici richiesti dalla società, a fronte di un investimento complessivo di 35 milioni. Si deve considerare che sono in scadenza, tra settembre e aprile, gli ammortizzatori sociali che hanno accompagnato la fuoriuscita dei dipendenti della Finmek, della Fida spa e della Intercompel. Per la maggior parte - osserva il deputato - si tratta di lavoratori giovani, che non possono agganciarsi alla pensione e difficilmente potranno essere reinseriti nel circuito lavorativo. I sindacati lamentano forti preoccupazioni per il dilatarsi dei tempi e sperano che si possa giungere a una conclusione positiva di tutto l'iter: questo perché una volta scaduta la mobilità, spariranno anche gli sgravi fiscali destinati alle aziende che riassumono».