IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

L’orsa Daniza è morta durante la cattura

L’orsa Daniza è stata catturata, ma non è sopravvissuta alla narcosi che è stata effettuata. A dare la notizia della morte dell’animale è stata la Provincia di Trento in un comunicato.

L’orsa, 19 anni, era arrivata in Trentino nel 2000, nell’ambito di un progetto di ripopolazione dell’area. Daniza è l’orso che a Ferragosto, in presenza dei propri cuccioli, aveva ferito un uomo nei boschi del Trentino. Dopo l’accaduto la Provincia di Trento aveva, prima deciso di uccidere l’orsa e poi di catturarla. Per salvare Daniza si erano mobilitate le associazione animalista, Lav in testa che, saputo del decesso, ha comunicato: «È stata un’esecuzione annunciata, adesso responsabili paghino».

«In ottemperanza all’ordinanza che prevedeva la cattura dell’orsa Daniza – è scritto nel comunicato ufficiale della Provincia di Trento – dopo quasi un mese di monitoraggio intensivo, la scorsa notte si sono create le condizioni per intervenire, in sicurezza, con la telenarcosi. L’intervento della squadra di cattura ha consentito di addormentare l’orsa, che tuttavia non è sopravvissuta». «È stato possibile catturare con la medesima modalità, per poi prontamente liberarlo anche uno dei due cuccioli – si legge ancora nella nota – che è stato dotato di marca auricolare per assicurarle il costante monitoraggio. A tal fine sul posto è già operativa la squadra d’emergenza».

La Provincia ha spiegato che dell’episodio sono già stati informati il ministero dell’Ambiente, l’Ispra e l’Autorità giudiziaria. Sul corpo di Daniza sarà effettuata in giornata l’autopsia, per stabilire con certezza le cause del decesso e scoprire se è stata letale la dose di sonnifero o se l’orsa soffriva di qualche altra patologia.

X