IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Cadavere sull’A14: è Eleonora

Il cadavere rinvenuto martedì scorso sotto il viadotto dell’A14 è di Eleonora Gizzi, 34 anni educatrice di Vasto allontanatasi da casa il 28 marzo scorso.

La conferma dalla comparazione del Dna tra la saliva dei suoi genitori e il tessuto prelevato dal corpo. Gli esami effettuati all’Ospedale clinicizzato di Chieti hanno fugato ogni dubbio.

A dare la notizia al papà Italo e alla mamma Grazia, il vice questore Cesare Ciammaichella, dirigente del locale Commissariato, che si è recato a casa della famiglia.

LA PROVA DEL DNA – Solo l’esame del Dna ha potuto stabilire se il cadavere in avanzato stato di decomposizione fosse quello di Eleonora, a cinque mesi dal suo allontanamento da casa. Martedì, la scoperta da parte di un tecnico della Società Autostrade durante verifiche dei piloni dell’A14.

Il papà di Eleonora, Italo Gizzi, accorso subito sul posto (anche se non gli era stato fatto vedere il corpo) non aveva avuto dubbi sin dall’inizio: «Sono certo che sia lei, me lo sento. La cosa che mi tormenta è che è poco distante da casa ma soprattutto sono luoghi che sono stati battuti da chi la cercava». Il luogo del ritrovamento, infatti, è in via Salce, proprio a ridosso di un pilone della A14, in un tratto non visibile ai passanti ma in una zona, seppur decentrata, abbastanza trafficata, meno di due chilometri dall’abitazione della famiglia Gizzi.

X