IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

Le pagelle del Misde: Athletic Bilbao-Napoli 3-1

di Lorenzo Di Cola

ATHLETIC BILBAO – NAPOLI 3-1

Gara valida per la qualificazione ai gironi della Uefa Champions League, si parte dall’1-1 del San Paolo. La serata si dimostra una vera disfatta per gli uomini di Benitez, usciti a testa bassa da un match che ha evidenziato gravi lacune tecniche e caratteriali tra i partenopei. Dopo l’illusorio vantaggio di Hamsik, arrivato ad inizio ripresa, comincia la remuntada spagnola.

ATHLETIC BILBAO

IRAIZOZ sv.: si diverte a contare i fili d’erba nell’area piccola ma, quando vede Hamsik in faccia per la prima volta da una distanza inferiore a 30 metri, sviene per lo spavento e subisce goal. FULMINATO

DE MARCOS 7: si diletta nel gioco della corrida usando Ghoulam come toro spostandogli il pallone su ogni giocata e incitando il pubblico ad urlare “OLE’!”. MATADOR

GURPEGI 6: risulta decisivo per aver imbambolato letteralmente Maggio e Britos nel gol dell’1-1 con un balletto molto romantico nel cuore dell’area di rigore. CENERENTOLO

LAPORTE 5.5: apre Laporte alla vittoria dell’Athletic con la sua sicurezza difensiva pari a quella di un antivirus per pc scaduto da mesi. USATO SICURO

BALENZIAGA 5.5: lo Jankulovski dei poveri non spinge come il collega dell’altra fascia ma si limita al compitino, che consegna in bianco. VIP (Very Ignorant Person)

ITURRASPE 6: aspettarsi piedi fatati e visione di gioco da uno con un cognome del genere è un reato da ergastolo. ITURRUSPA

RICO 6.5: prende in mano le chiavi del centrocampo che, al minuto 73, gli vengono sottratte da un giocatore del Napoli col passamontagna. DERUBATO

SUSAETA 6: Nato da padre libico e madre moldava, garantisce al centrocampo una discreta velocità nella manovra. SAETA

BENAT 5: al minuto 35 alza lo sguardo verso la curva, individua l’unica tifosa con un braccio ingessato e la colpisce in pieno con un destro terribile. CECCHINO

MUNIAIN 5.5: è un fenomeno (da baraccone) e non deve certo dimostrarlo stasera; per l’età che ha rischia di poter raggiungere, un giorno, i livelli di Beppe Mascara. PROMESSA

ADURIZ 7: quando il gioco si faduriz, i duriz cominciano a giocare. Sale in cattedra, infatti, dopo il momentaneo vantaggio napoletano. EL KADURIZ

NAPOLI

RAFAEL 5: Inizia il suo match parando come Amelia ai tempi del Palermo; con il trascorrere dei minuti, però, somiglia sempre più a (Pa)Perin. TRANSFORMER

MAGGIO 4: c’è poco da fare, riesce a giocare non male soltanto durante il quinto mese dell’anno ma Benitez ancora non se ne rende conto. RACCOMANDATO

ALBIOL 4: è convinto di trovarsi in Portogallo e cerca di fare il furbo chiamando Rafael in spagnolo per non farsi capire dagli avversari ma il suo 3 fisso in geografia ai tempi del settimo anno di elementari torna a galla. SECCHIONE/BIDONE

KOULIBALI 5: la lettura del suo cognome dovrebbe essere vietata ai minori per ridurre l’abuso di linguaggio scurrile in età prematura. BIP

GHOULAM 4.5: l’altra parolaccia del Napoli filtra sulla fascia sinistra come un colabrodo, al punto da permettere agli avversari di allacciarsi gli scarpini tra un passaggio e l’altro. O’ SCENO

GARGANO 5.5 l’unico che corre a centrocampo e che dimostra una discreta resistenza fisica; l’antidoping ha aperto un’inchiesta sulla composizione biologica dell’insalata mangiata nel prepartita. STUPEFACENTE

JORGINHO 5: la sua presenza nel centrocampo del Napoli è fondamentale, è l’unico che riesce a stoppare un pallone e passarlo rasoterra all’indietro. PREZIOSO

CALLEJON 4: da buon mafioso spagnolo cresciuto nei sobborghi di Napoli riesce a farsi vedere come Bin Laden durante gli anni della latitanza. DESAPERECIDO

HAMSIK 5.5: nel primo tempo si nota solo per l’elegantissima cresta, nell’intervallo si toglie la maschera e torna ad essere l’uomo più brutto del Mediterraneo. GALLO CEDRONE

MERTENS 5: sembrava dovesse fare faville in primis con il Belgio al Mondiale ed in secundis con il suo Napoli in Serie A e Champions League. Riesce soltanto a fare Favalli. SOPRAVVALUTATO

HIGUAIN 6: el Pipita ci mette tutta la buona volontà e alla fine, pur risultando inconcludente, si dimostra l’unica insidia per la difesa biancorossa. SCOGLIO

NAPUL’E’ NU SOL’ AMAR’!

SEGUI LE PAGELLE DEL MISDE SU FACEBOOK: [url”https://www.facebook.com/pages/Pagelle-del-Misde/310198919161369?fref=ts”]https://www.facebook.com/pages/Pagelle-del-Misde/310198919161369?fref=ts[/url]

X