IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

L’Aquila chiusa per Ferragosto

di Roberta Galeotti

Anche quest’anno, come ogni anno da dopo il sisma, l’anarchia vige sovrana tra gli esercenti della città e così trovare un bar o un ristorante aperto nella giornata di Ferragosto diventa una chimera.

{{*ExtraImg_213027_ArtImgRight_300x225_Viale Corrado IV alle 11:00}}

Se prima del terremoto la tendenza alla deregulation, tipicamente aquilana, era contenuta da una turnistica chiara e prefissata dalle autorità competenti, da dopo il sisma si rinnova questa triste abitudine di serrare le porte a piacimento e in libertà interrompendo l’erogazione di servizi.

Così, trovare un caffè aperto questa mattina è stata un’impresa ardua e, ancora più difficile, è stato trovare un ristorante aperto.

{{*ExtraImg_213030_ArtImgRight_300x225_}}

L’Aquila è vuota…

Piazza Duomo è l’unico angolo di città in contro tendenza. La musica delle inossidabili bancarelle del mercato e la tenacia dei pochi commercianti, che hanno coraggiosamente ripopolato la piazza, rendono accogliente una città fantasma, oggi, nel vero senso della parola.

La tradizione aquilana porta i nostri concittadini ad abbandonare le mura e a dedicarsi alle scampagnate, ma le giornate di agosto ripopolano i paesi e le città limitrofe ed un flusso turistico, seppur minimo, sopravvive alla crisi e alla campagna di comunicazione denigratoria contro i[i] terremotati furbetti d’Italia[/i].

I turisti vagano tra i puntellamenti e i palazzi di via XX settembre con le facce bianche e incredule, frastornati e spaesati in cerca di un ristoro che li riporti ad una apparente normalità.

Ogni anno, ormai, ci troviamo costretti a fare i conti con la solita realtà [i]immota[/i] della città e ogni anno speriamo che qualcosa cambi e migliori nel grado di servizi offerti a chi trova il coraggio di venire a visitare la nostra città ferita.

In piazza quest’anno almeno spicca il welcome point aperto e accogliente punto di riferimento per i turisti attoniti che si avvicinano increduli e distratti alle nostre ferite.

{{*ExtraImg_213024_ArtImgRight_300x225_}}

X