IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

WebGis Usra L’Aquila, on line nuova versione

Da oggi è [i]on line[/i] la nuova versione del webGis dell’ufficio speciale per la ricostruzione dell’Aquila. Si tratta di «uno strumento informatico innovativo che si propone come mezzo di informazione e trasparenza del processo della ricostruzione aquilana».

Frutto della collaborazione fra ufficio speciale, Servizi Elaborazioni Dati Spa del Comune dell’Aquila e università dell’Aquila, il webGis, come si legge in una nota, «permette a chiunque di monitorare lo stato di avanzamento dei lavori, visualizzando i contenuti della banca dati emergenza sulla cartografia».

Il portale è accessibile dal sito dell’ufficio speciale (www.usra.it) attraverso il pulsante “ricostruzione live”, oppure digitando l’indirizzo web webgis.comuneaq.usra.it.

Il webGis permette di «visualizzare in tempo reale tutti i progetti presentati relativi agli edifici inagibili, la procedura alla quale essi afferiscono e, soprattutto, lo stato dell’istruttoria di ogni singolo progetto. Basta digitare il relativo numero di protocollo Aq-Bce, oppure il numero dell’aggregato, per ottenere tutte le informazioni necessarie. Sono, inoltre, localizzati gli interventi sugli immobili pubblici e gli ambiti territoriali di particolare interesse per la ricostruzione quali gli ambiti prioritari, la microzonazione sismica, i vincoli dei beni culturali, e così via».

«Si tratta – prosegue la nota – di un sistema dinamico: le informazioni relative ai singoli edifici vengono aggiornate quotidianamente secondo l’effettivo stato dell’istruttoria del progetto e gli edifici pubblici vengono pubblicati secondo gli stati di finanziamento. Per quanto riguarda le altre informazioni territoriali, esse vengono cartografate e verificate dal settore Gis dell’Ufficio Speciale che aggiorna periodicamente il webGis».

Con il webGis, l’ufficio speciale per la ricostruzione dell’Aquila ha voluto dare un «contributo importante alla gestione del processo di ricostruzione». «Attualmente – conclude la nota – le informazioni disponibili si concentrano sulle istruttorie dei progetti. Il monitoraggio dei cantieri e dello stato di avanzamento dei lavori costituirà il prossimo importante obiettivo».

X