IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

«Cta L’Aquila annuncia licenziamenti»

«Ad appena 4 mesi dalla chiusura di una difficile vertenza che aveva visto il Consorzio Trasporti e Autonoleggi dell’Aquila ritirare le lettere di licenziamento inviate a sette dipendenti e attivare l’ammortizzatore sociale della Cassa integrazione che tuttora, e sino a novembre, potrebbe fornire un aiuto ai lavoratori, inspiegabilmente, in sede di rinnovo della Cassa, l’Azienda ha rifiutato di prorogare la stessa e annunciato i prossimi licenziamenti del personale». L’annuncio arriva dal segretario provinciale della Filt-Cgil Domenico Fontana.

«Fin qui – osserva il sindacalista – una normale e dolorosa vertenza, come molte purtroppo sul nostro territorio. In realtà la vicenda è più complessa e dai risvolti molto oscuri. In effetti l’azienda, pur denunciando difficoltà per i tagli subiti da Ama, attraverso le ditte consorziate, e nel periodo di vigenza della Cassa Ordinaria, ha inserito in organico nuovi autisti, comunicando ad Ama stessa (Azienda per la mobilità aquilana) tali variazioni. Queste determinazioni hanno fatto sì che, mentre gli abituali autisti dell’azienda Cta affidataria del servizio erano sostenuti dalla Cassa Ordinaria, le aziende consorziate sostituivano gli stessi e negli stessi servizi con nuove assunzioni. Naturalmente tali anomalie sono state segnalate all’Ama e alla direzione provinciale del lavoro».

Il sindaclista fa sapere che «nessuna risposta ad oggi è venuta dall’Ama, l’azienda pubblica che affida il servizio e che ne cura la direzione esercizio anche per l’affidatario». «Noi continuiamo a credere – conclude il segretario provinciale della Filt-Cgil – che le aziende a cui vengono affidati servizi pubblici e quindi soldi pubblici debbano fornire adeguate garanzie, sia rispetto alla qualità dei servizi erogati sia rispetto a buone pratiche di gestione, a partire da quelle relative al rispetto dei diritti e delle tutele dei lavoratori».

X