IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

Invictus Games, un abruzzese a Londra

Il carabiniere Loreto di Loreto di Castel di Sangro, tesserato della Asd Pedale Sulmonese, sarà a Londra dal 10 al 14 settembre prossimi per la prima edizione degli Invictus Games, i giochi internazionali paralimpici voluti dal principe della Casa Reale inglese Harry.

«E’ per noi motivo di grande orgoglio vedere annoverato un nostro atleta nella rosa dei partecipanti a gare di respiro mondiale e per lo più di così grande prestigio – ha commentato il presidente della Asd Pedale Sulmonese Lorenzo Schiavo – Faccio l’in bocca al lupo a Loreto, rinnovandogli la stima di tutta la Pedale Sulmonese, società che è onorata della sua appartenenza e che io rappresento».

Oltre al carabiniere Di Loreto, la delegazione italiana è così composta: Col. Carlo Calcagni; Ten. Col. Alessandro Albamonte; Ten. Col. Gianfranco Paglia; Ten. Col. Roberto Punzo; Ten. Col. Pasquale Barriera; Ten.Col. Fabio Tomasulo; Mar. Bonaventura Bove; Mar. Giovanni Dati; C. Le Magg. Ca. Sc. Moreno Marchetti; C. Le Magg. Sc. Monica Contrafatto; 1° C. Le Magg. Domenico Russo; 1° C.Le Magg. Simone Careddu; C. Le Magg. Ca. Andrea Tomasello.

Per cinque giorni, oltre 400 atleti provenienti da 14 diversi Paesi – tra cui Afghanistan, Usa, Regno Unito, Francia e Nuova Zelanda – si sfideranno in 9 discipline paralimpiche presso il Queen Elizabeth Olympic Park e il Lee Valley Athletics Centre. Diversi gli sport praticati: atletica, basket in carrozzina, handbike, sollevamento pesi, canottaggio coperto, tiro con l’arco, nuoto, pallavolo da seduti e rugby in carrozzina.

Gli Invictus Games sono organizzati dalla Royal Foundation, fondata dal principe Harry, dal duca e dalla duchessa di Cambridge, insieme al ministero della Difesa britannico. Il termine Invictus prende spunto dall’omonima poesia di William Ernest Henley e celebra lo spirito “indomito” di uomini e donne con le stellette, i quali, benché diversamente abili, hanno l’orgoglio, la volontà e lo spirito di dimostrare il loro valore in campo sportivo.

Il team è stato presentato a Roma a Villa Wolkonsky, residenza dell’ambasciatore britannico in Italia Christopher Prentice. Nel corso dell’evento è stato trasmesso un video messaggio del presidente del Comitato Italiano Paralimpico (Cip) Luca Pancalli. Presenti, tra gli altri, il Comandante del Comando Militare della Capitale Generale Mauro Moscatelli, il Capo del 5° Rep. dello Stato Maggiore della Difesa, Gen. D. Luigi Longobardi e il consigliere del ministro della Difesa per le tematiche connesse al reinserimento nel mondo del lavoro del personale militare, Ten. Col. Gianfranco Paglia.

Alla presenza dell’ambasciatore, le Forze Armate italiane hanno ringraziato le autorità britanniche attraverso le parole del colonnello Max Andrè Barbacini, Capo Ufficio Sport dello Stato Maggiore della Difesa: «Gli atleti militari italiani hanno reagito con entusiasmo all’invito a loro rivolto dal Principe Harry a partecipare agli Invictus Games di Londra, una nuova sfida per rappresentare al meglio il tricolore nazionale. Un sentimento di profonda gratitudine ci accomuna tutti, nei confronti del vostro Paese che ha organizzato e creduto in questo evento straordinario dal significato profondo. Ad Maiora».

Intervenuto anche lo stesso ambasciatore Prentice, che ha dichiarato di essere «particolarmente lieto di incontrare gli atleti che difenderanno il tricolore italiano ai prossimi Invictus Games di Londra». «Sono convinto – ha aggiunto – che le squadre di Roma e Londra agli Invictus Games sapranno far dimenticare i risultati deludenti ottenuti dai colleghi calciatori ai recenti Mondiali in Brasile».

{{*ExtraImg_212135_ArtImgCenter_500x281_}}

X