Sel Abruzzo: «Stop al massacro di Gaza»

Dopo la partecipazione alla fiaccolata di mercoledì 16 a Pescara e i

recenti avvenimenti che hanno portato il governo di Israele

all’invasione via terra, Sinistra Ecologia Libertà Abruzzo, riunito il

coordinamento politico regionale lunedi 21 luglio, ha deciso di

presentare nei comuni dove è rappresentata un ordine del giorno

urgente di ferma condanna del governo Netanyahu e del massacro che si

sta compiendo nella striscia di Gaza.

Nell’o.d.g., oltre a citare la risoluzione ONU sui confini del 1967

come soluzione per la fine del conflitto, in modo da garantire al

popolo palestinese il diritto inalienabile all'indipendenza e alla

sovranità nazionale con il conseguente riconoscimento dei diritti

legittimi di libertà, di vita e di pace, «chiediamo - si legge in una nota a firma di Tommaso Di Febo – Coordinatore Regionale SEL Abruzzo - un gesto simbolico

ma significativo a tutti i sindaci abruzzesi : esporre la bandiera

della pace all'esterno dei Palazzi Comunali».

SEL Abruzzo ritiene urgente raggiungere un immediato cessate il fuoco

e ribadisce, tramite queste azioni consiliari, la piena solidarietà e

vicinanza al popolo palestinese.