San Salvatore, Pezzopane: «Subito ispezione commissione Sanità»

«Un’ispezione della commissione Sanità del Senato, per verificare le condizioni e il grado di funzionalità dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila, a cinque anni dal terremoto». A chiederla è la senatrice Stefania Pezzopane, che stigmatizza «il disagio di alcuni reparti del nosocomio aquilano, in particolare di oncologia».

«Le condizioni in cui versa il reparto di oncologia sono davvero assurde - afferma la senatrice - Pazienti ammassati in stanze anguste, dove convivono malati terminali con altri pazienti in cura, senza il minimo rispetto della [i]privacy[/i] e della dignità umana. Bene ha fatto il consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci a mettere in rilievo questa e altre sbavature del reparto».

«Sulla sanità - aggiunge la senatrice - va cambiato completamente registro. Reparti ridimensionati o in stato di degrado, professionalità mortificate, servizi tagliati e liste d’attesa bibliche rischiano di impoverire la nostra Asl. Al primo posto vanno messi i pazienti e le loro esigenze. Un criterio che in questi anni è diventato subalterno alle logiche di potere e ai calcoli ragionieristici».

«Concorderò con la presidente Emilia Grazia De Biasi una visita a breve della commissione Sanità, che diventa urgente per prendere atto dello stato dell’arte del nostro ospedale e per individuare le azioni necessarie a rilanciarlo», conclude la senatrice, cogliendo l’occasione per ricordare che la presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi le ha confermato «la disponibilità di una presenza della Commissione all’Aquila nel mese di luglio».