L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Sacco e il suo ‘Come polvere al vento’ allo Start Bar 54

Dopo la serie positiva di concerti, l’uscita del suo libro “Come Polvere nel Vento” e le soddisfazioni ottenute con il nuovo progetto insieme ai Musici di Francesco Guccini, Danilo Sacco torna live con la sua band per l’ultima tappa del suo “Un Altro Me” Tour, il prossimo 17 maggio ad Avezzano, nel luogo principe di aggregazione marsicano, Piazza Risorgimento. Il concerto, gratuito, fa già

Mentre lo spettacolo teatrale aveva un’atmosfera minimalista con un set unplugged che dava ai brani dell’album un vestito diverso, ora l’elettricità torna al massimo, per uno show trascinante e divertente, e con una scaletta rinnovata con l’inserimento di una serie di brani molto amati dal pubblico, attraverso i quali il cantautore ripercorre la sua carriera dagli esordi per arrivare ai brani del suo disco solista “Un Altro Me” (Non Ho che Te, L’Aurora, Mekong, Aprimi..).

Niente Passa Invano, Sangue al Cuore, Trovare Dio, Auschwitz, Il Cielo d’Irlanda, Dio è Morto, All The Wrong Reasons, sono solo alcuni dei brani con cui Danilo omaggia i grandi autori (Francesco Guccini, Massimo Bubola, ma anche Tom Petty) del nostro tempo con emozionanti reinterpretazioni personali.

Questo tour è anche l’occasione per presentare l’inedito “Niente è per sempre”, brano che farà parte del prossimo album in uscita a breve.

Sabato pomeriggio, inoltre, Danilo Sacco presenterà il suo ultimo libro ‘Come polvere al vento’, edito da Rizzoli, allo Start Bar 54 di Avezzano, in via Pertini. Un appuntamento (alle ore 17 e 30) da non perdere, per tutti i marsicani, d’origine o d’adozione (come, d’altronde lo stesso Sacco, residente a Capistrello ormai da parecchio tempo).

Sul palco Danilo Sacco è accompagnato da un’energica band formata da: Valerio Giambelli alle chitarre, Andrea Mei alle tastiere, hammond e fisarmonica, affiancati da una potente sezione ritmica formata da Enrico Brazzi al basso e Tommy Graziani alla batteria.

«Per scegliere le canzoni da inserire in scaletta – racconta Danilo – ho usato principalmente l’istinto, perché la musica non è matematica. Ho selezionato i brani che ho sentito essere i più rappresentativi, lasciando spazio anche a canzoni del mio passato, rivisitate con nuovi arrangiamenti, e capolavori di artisti che mi hanno influenzato. Questo tour è un “work in progress”, proviamo continuamente e aggiungiamo brani al repertorio».

Quasi due ore di parole e musica, arricchita dalla personalità e dal talento di Danilo Sacco e dal suo inconfondibile timbro vocale, entrato a pieno diritto nella storia della musica italiana.

[url”Torna alla Home Targato Az”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=221[/url]

X