Quantcast

La ‘casa degli orrori’ è inagibile

Il sindaco di Atessa, Nicola Cicchitti, ha firmato un'ordinanza in cui dichiara inagibile, per motivi igienico sanitari, la '[url"casa degli orrori"]http://ilcapoluogo.globalist.it/Detail_News_Display?ID=101669&typeb=0&Polizia-scopre-casa-degli-orrori-[/url]' dove martedì mattina è stato arrestato un padre di 4 figli, tutti minori, per gravi maltrattamenti in famiglia.

L'ordinanza della massima autorità sanitaria del comune dove fino a martedì abitava la famiglia - composta da quattro figli, madre, padre e uno zio fratello del padre arrestato - si basa sulla relazione dell'ufficiale sanitario della Asl Lanciano Vasto Chieti che è intervenuta sul posto insieme agli agenti della Polizia di Lanciano.

Sui pavimenti sono stati trovati escrementi, anche di cani e gatti, immondizia e panni sporchi ammassati confusamente nelle stanze, bagni intasati e sporcizia ovunque, come si vede nelle fotografie dell'interno della casa che la Procura di Lanciano ha diffuso questa mattina. Condizioni ritenute non idonee per un'abitazione civile e che gli inquirenti giunti sul posto per i rilievi hanno definito «aberranti».

La casa è di proprietà del 36enne arrestato su disposizione del gip del tribunale di Lanciano, Marina Valente, con l'accusa di maltrattamenti aggravati in famiglia. Secondo gli inquirenti, l'uomo avrebbe costretto i figli a vedere film pornografici con lui e li avrebbe colpiti lanciando contro di loro coltelli e oggetti di legno.

La madre, anche lei vittima delle violenze del marito, non risulta indagata al momento; neanche il fratello del padre, che abitava con la famiglia, risulta iscritto nel registro degli indagati. I bambini si trovano con la mamma in una struttura protetta assistiti da personale specializzato.