Quantcast

Sel e IdV contro il D’Alfonso ‘arraffa centrodestristi’

Sel e Idv non mollano la presa nell'opposizione alle candidature nel centrosinistra di esponenti del centrodestra volute dal candidato presidente, Luciano D'Alfonso, ultima quella dell'assessore regionale ai lavori pubblici Angelo Di Paolo, ieri dimessosi dall'esecutivo di centrodestra.

Entrambi i partiti auspicano il un rispetto chiedono il rispetto di «codici etici e carte d'intenti» e la convocazione urgente una riunione del tavolo di centrosinistra: non parlano di uscita dalla coalizione, ma non sono escluse azioni clamorose qualora si continuasse su questa strada.

In particolare il consigliere regionale di Sel Franco Caramanico fa appello al Pd di far recedere D'Alfonso da questo intenzione. «La cosa è semplice: abbiamo lavorato per costruire un governo di centrosinistra con un programma dettagliato, una carta d'intenti e un codice etico - spiega Caramanico - Mi attengo a questo impegno e mi auguro che ci sia un atteggiamento di rispetto degli accordi anche da parte di altre forze politiche. In questo senso rivolgo un appello al Pd affinché parli con il candidato alla presidenza Luciano D'Alfonso».

Il consigliere regionale dell'Idv Lucrezio Paolini ricorda che «ci sono state un paio di riunioni del tavolo della coalizione nelle quali l'Idv ha ribadito il principio secondo cui tutte le candidature debbano essere condivise dopo un'attenta analisi delle stesse».

«A parte le notizie di stampa che evidenziano la discussione di un componente della giunta regionale, il tavolo della coalizione non si è ancora riunito, ritengo lo debba fare al più presto per discutere sulle ipotetiche candidature dell'assessore dimissionario di paolo e altri. Ulteriori decisioni - conclude l'esponente dell'Idv - sono successive a questo incontrano».

Sel con Caramanico e Idv con il segretario regionale, Alfonso Mascitelli, hanno partecipato alle primarie per il candidato alla presidenza del centrosinistra vinte con largo margine da D'Alfonso.