Quantcast

«Nessuna apertura per la caccia ai caprioli»

«Siamo alle solite. Qualsiasi argomento è buono in campagna elettorale per farsi pubblicità e propaganda». L'assessore alla Caccia, Mauro Febbo, replica così alle accuse del consigliere regionale Maurizio Acerbo. «La Regione Abruzzo - argomenta Febbo - non intende assolutamente aprire la caccia ai caprioli, ma sta lavorando, invece, su una proposta di regolamento sulla gestione degli ungulati, condivisa da tutti e non più rinviabile per i problemi che tale mancanza di gestione delle specie crea al mondo rurale, agli agricoltori e alle stesse specie protette». «Infatti - spiega l'assessore - è ormai acclarato dal mondo scientifico che il cervo è un forte competitore del camoscio d'Abruzzo. Non solo, è proprio di oggi la notizia preoccupante lanciata dall'associazione ambientalista '[i]Wilderness[/i]' inerente l'orso e per il suo mancato controllo delle popolazioni di cinghiali e cervo».

«Infatti - precisa il biologo dell'Ufficio programmazione Faunistica della Regione Abruzzo, Franco Recchia - oggi non è più rinviabile, nella regione verde d'Europa, uno strumento fondamentale come un Regolamento sugli ungulati con lo scopo di conoscere ancora la consistenza delle specie cervo e capriolo. La conoscenza delle popolazioni di ungulati, della loro consistenza, nonché del loro stato sanitario, è presupposto necessario per una corretta gestione delle specie. Tutte le informazioni saranno acquisite sulla base di metodologie indicate dall'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra). Eventuali prelievi saranno effettuati solo nel momento in cui l'Ispra esprimerà un parere favorevole vincolante».

«In riferimento al Patom - continua Febbo - si evidenzia come il consigliere Acerbo sia disinformato su tutte le azioni che la Regione ha posto in essere per la conservazione dell'orso. Tra gli otto punti previsti dal Patom l'azione B1 sull'attività venatoria si prefigge l'obiettivo di '[i]adattare la gestione delle attività venatorie nelle aree di interesse per l'orso con la presenza della specie[/i]'. Nell'ottobre 2011, la direzione Agricoltura, ha chiesto al ministero dell'Ambiente l'affidamento del coordinamento dell'azione B1, mediante l'istituzione di un tavolo tecnico ristretto (Ttr) al quale partecipa anche l'Ispra. Ad oggi il primo ed unico tavolo ad avere dato corpo alle attività previste dal Patom. In tutto questo contesto - conclude l'assessore Febbo - la Regione Abruzzo ha avviato il procedimento per dotarsi di un Regolamento a norma di legge al fine di continuare il percorso avviato con il ministero dell'Ambiente sia per una corretta gestione delle specie, sia per una crescita della cultura venatoria compatibile con un prelievo sostenibile».