Quantcast

«Pretendeva sesso dalla moglie», 80enne aquilano allontanato

E' accusato di aver maltrattato la moglie per anni, pretendendo anche di avere rapporti sessuali. Ad un 80enne aquilano è stato notificato il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna, dai quali dovrà tenersi ad una distanza di almeno cinquecento metri. Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale dell’Aquila.

La donna, secondo le accuse, avrebbe subito per anni le angherie del marito, che sin dall’epoca del loro fidanzamento avrebbe avuto atteggiamenti violenti nei suoi confronti. Nel corso della vita coniugale, sempre secondo le accuse, la donna avrebbe subito ogni genere di violenza fisica e psicologica, arrivando, come ricostruito dalla polizia, «ad essere picchiata selvaggiamente al suo diniego di avere rapporti sessuali con l’uomo».

Secondo quanto ricostruito dalla polizia, gli atteggiamenti «violenti e vessatori» del marito nei confronti della malcapitata l’avrebbero indotta a non sporgere mai denuncia fino al mese di novembre 2013, quando la signora si è vista costretta a richiedere l’intervento del personale della Polizia di Stato poiché l’uomo, «in stato di ebbrezza alcoolica», avrebbe minacciato di «cacciarla di casa, brandendo una scopa, se non avessero avuto rapporti sessuali».

Da oggi l’uomo avrà bisogno di una espressa autorizzazione dello stesso Gip del Tribunale dell’Aquila, che ha emesso la misura cautelare, per avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla moglie.