Quantcast

Sulle tracce della ‘banda della casseforti’

Indagini della polizia stradale di Lanciano su una serie di furti in ville e appartamenti del centro frentano dove nelle ultime settimane sono state svaligiate diverse casseforti.

A metà dicembre venne ritrovata un'Audi A6, rubata a Perugia, abbandonata da quattro malviventi. Quella notte erano stati 4 i furti compiuti in città. L'Audi era stata sequestrata dal procuratore Francesco Menditto, il quale dispose che non venisse toccata in attesa dell'arrivo degli uomini del gabinetto scientifico interregionale di Ancona giunti a Lanciano giorni fa.

Gli esperti hanno trovato sull'auto tracce di dna e impronte digitali che saranno analizzate per identificare i malviventi.

Rinvenuti inoltre oro, gioielli e tre orologi Rolex e attrezzi da scasso. L'Audi era stata rubata ad agosto a Perugia e utilizzata per un colpo in una villa dove i componenti la famiglia vennero narcotizzati e picchiati. La banda specializzata, probabilmente con persone dell'Est europeo, aveva poi colpito in varie parti dell'Italia Centrale, fino a compiere più colpi anche a Lanciano.

«I componenti di questa banda - dice Renato Menna - comandante della stradale di Lanciano, si muovono velocemente sulle strade sempre alla guida di potentissime Audi rubate, poiché le ritengono le più affidabili, nella convinzione di partire da una posizione di vantaggio nel caso di speronamenti dei veicoli delle forze dell'ordine».