IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Bye bye ‘tempesta di Natale’ previsioni

La “tempesta” di Natale si allontana dalla nostra Penisola, ma lascia ancora qualche strascico al Nordest e al Centrosud con nubi e qualche pioggia in attenuazione nelle prossime ore. L’analisi è del meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara che precisa: «La tregua sarà breve, perché già sabato arriverà una seconda perturbazione, collegata a una nuova violenta tempesta di nome Erich che sta colpendo ancora una volta il Nordovest Europa, con venti fino a oltre 100 chilometro tra Scozia, Inghilterra, Normandia, Belgio, Olanda, raffiche anche di oltre 140 chilometri orari sul Galles, e danni e disagi nei trasporti».

Per quanto riguarda l’Italia «nuove piogge raggiungeranno il Nord, a partire dai settori occidentali ed in estensione al Triveneto entro sabato sera – prosegue l’esperto – con nuove nevicate sulle Alpi mediamente oltre 800-1200 metri, ma localmente sin verso i 500-700 metri entro fine giornata».

Più sole al Centrosud, salvo residui disturbi sul basso versante tirrenico e foschie o banchi di nebbia su vallate del Centro, con tempo tuttavia in peggioramento entro sera su Sardegna e Toscana. Tra domenica e lunedì la perturbazione coinvolgerà più direttamente il Centrosud, con piogge e rovesci sparsi dapprima sulle tirreniche, poi su adriatiche e ioniche, e neve in Appennino mediamente oltre 1100-1500m a partire dai settori settentrionali.

Per San Silvestro, secondo 3bmeteo.com, «dovrebbe tornare temporaneamente il bel tempo, salvo ultimi rovesci al Sud, ma a Capodanno una nuova perturbazione dovrebbe coinvolgere soprattutto il Centronord, con neve anche in collina sulle regioni settentrionali».

«Attenzione infine al pericolo valanghe, particolarmente elevato nei prossimi giorni – concludono da 3bmeteo.com – a causa delle ingenti quantità di neve caduta nelle scorse ore, in particolare dai 2000 metri in su, che deve ancora stabilizzarsi e risulta umida e pesante, specie sotto i 2000 metri».

Fare dunque molta attenzione ed evitare pericolosi fuoripista, consigliano.

X