IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Sport

Da L’Aquila alle Universiadi, Francesca brilla in Trentino

Dalle rotelle alle lame, guardando alle Olimpiadi di Soci dalla pista dell’Ice rink di Baselga di Piné, dove sono in corso le Universiadi invernali del Trentino. Così la pattinatrice romana Francesca Lollobrigida, primatista italiana sui 3.000 e sui 5.000 metri di [i]speed skating[/i] in pista lunga, porta i colori dell’ateneo aquilano e dell’Abruzzo nella selezione azzurra alle Universiadi, evento a cui prendono parte parte oltre 3mila atleti da tutto il mondo.

Classe 1991, la giovane pattinatrice iscritta alla facoltà di Scienze motorie dell’Aquila è arrivata oggi al quarto posto nella prova dei 5mila con il tempo di 7:28.28 al termine di in una gara vinta dalla campionessa olimpica Martina Sablikova, con il tempo di 7:05.17, record delle Universiadi.

Francesca Lollobrigida, parente alla lontana dell’attrice Gina, vanta un successo iridato nel pattinaggio a rotelle e ha già ottenuto la qualificazione per le prossime Olimpiadi invernali di Sochi, in Russia, a febbraio 2014. Un percorso agonistico tutt’altro che facile, per lei, quello sul ghiaccio azzurro. Vi è rientrata solo negli ultimi mesi, dopo aver passato un anno ad allenarsi in Olanda. «Purtroppo – spiega – la carenza di strutture per allenarsi nel centro Italia fa la differenza. E per me tornare in nazionale rappresenta una grande soddisfazione».

Nei 3mila metri è giunta quinta, nei 1500 è giunta settima. Qui alle Universiadi, in squadra con lei c’è anche la sorella Giulia, impegnata domani nei 1000 e nelle staffette di fine settimana. Anche lei studia a Scienze motorie all’Aquila.

Impossibile, tra un allenamento e una gara, non rivolgere un pensiero alla città segnata dal sisma dove, tra l’altro, Francesca ha comprato casa un paio di anni fa. «L’auspicio è che questa comunità possa risorgere», sottolineano le due sorelle. «Ci teniamo a fare un appello – aggiungono – affinché la pista di pattinaggio all’aperto che ha ospitato i mondiali del 2004, all’Aquila, non venga lasciata in condizioni di abbandono. Si tratta di un impianto all’avanguardia dove abbiamo avuto modo di gareggiare, è un peccato non vederlo utilizzato». Oggi, la pista di Baselga di Piné ha regalato la medaglia d’oro a Mirko Giacomo Nenzi nei 1000 metri.

X