IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

29 piante d’ulivo tagliate per intimidazione

Atto vandalico in una proprietà dell’assessore all’Ambiente del Comune di Fossacesia (Chieti) e direttore della riserva regionale Lecceta di Torino di Sangro, Andrea Natale: 29 alberi di ulivo sono stati tagliati con mezzi meccanici ad un altezza tra i 15 e i 20 centimetri da terra e lasciati abbandonati sul campo.

«Chi sa parli», è l’appello dell’assessore. «Questi gesti – aggiunge – vanno condannati e isolati. Ringrazio tutti per gli attestati di solidarietà».

Il sindaco di Fossacesia, Fausto Stante, parla di «non un atto di vandalismo, ma un’azione intimidatoria vera e propria. L’Amministrazione Comunale esprime solidarietà all’assessore Natale, amministratore corretto e democratico che vanta rispetto e dedizione per le persone e per la tutela dell’ambiente. Evidentemente, aggiunge il sindaco, c’è qualcuno che ha perso la testa e tenta con ogni mezzo di affermare le sue idee in modo incivile, dimenticando che democraticamente esistono il dissenso ed il rispetto della legalità».

Il WWF Abruzzo, a nome di tutti i suoi soci, esprime, in una nota, piena solidarietà all’assessore e alla sua famiglia, vittime di un inaccettabile gesto intimidatorio che squalifica innanzitutto chi ha voluto metterlo in atto. Andrea Natale, «è stato ed è, e certamente ancora sarà, protagonista in prima persona di tante iniziative per uno sviluppo sano e coerente della nostra regione. Di particolare rilievo il suo impegno in favore della costituzione del Parco Nazionale della Costa Teatina».

Dichiara il presidente Luciano Di Tizio: «Nell’augurarsi che le forze dell’ordine riescano a individuare gli autori del vile gesto e che costoro possano essere chiamati penalmente e civilmente a risponderne, il WWF si unisce a tutti coloro, tantissimi, che in queste ore hanno confermato la volontà di continuare, accanto ad Andrea, a sostenere il Parco e le altre campagne in favore dell’ambiente e della gestione sostenibile del territorio, isolando chi evidentemente rifugge dal confronto democratico ed è capace solo di colpire nell’ombra».

X