IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

A Pescara in mille in piazza per lavoro

“Meno tasse sul lavoro”. E’ lo slogan dello striscione che ha aperto, questa mattina, a Pescara, il corteo della manifestazione regionale unitaria indetta da Cgil, Cisl e Uil, per protestare contro i tagli previsti dalla legge di stabilità e per presentare e sostenere le proprie proposte di modifica del testo in discussione alla Camera dei deputati.

Circa un migliaio di manifestanti che hanno attraversato le strade cittadine per chiedere meno tasse per lavoratori e pensionati, difesa del lavoro, investimenti.

Alla manifestazione ha partecipato anche anche Giuseppe Farina, segretario generale della Fim- Cisl. «L’obiettivo principale – ha detto Roberto Campo, segretario regionale Uil – è quello di ottenere una consistente riduzione di tasse per lavoratori e pensionati per far ripartire i consumi e quindi l’economia e l’occupazione. Per finanziare questa riduzione di tasse bisogna tagliare i costi della politica e rendere automatico l’utilizzo dei soldi recuperati dall’evasione per tagliare le tasse».

«In questa fase – ha evidenziato Paolo Castellucci, della Cgil di Pescara – è necessario cambiare radicalmente le politiche del governo, ridurre le tasse per i lavoratori dipendenti e i pensionati, rimettere il lavoro al centro dell’agenda politica del governo. Queste sono le scelte che bisogna fare per poter uscire dalla crisi e cambiare realmente la condizione di disagio di questo paese».

«E’ una manifestazione importante – ha sottolineato Gianni Melilla, deputato di Sel – perché, a differenza di altre ribellistiche e senza obiettivi precisi, questa vuole cambiare la legge di stabilità nel segno del lavoro».

X