IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Avezzano, laser dei sogni a oculistica

Arriva l’oculistica di grande qualità all’ospedale di Avezzano grazie a un laser di ultima generazione. Un macchinario con cui sarà possibile effettuare, già dal prossimo anno, i trapianti di cornea. Niente bisturi, bassissima invasività, altissima precisione e tempi-sprint rispetto alla chirurgia tradizionale: insomma, il laser consente di eliminare lenti e occhiali senza l’utilizzo del bisturi.

L’ospedale di Avezzano, grazie a questo importante investimento, dovuto alla sensibilità del manager Asl 1, Giancarlo Silveri, sposta molto in alto l’asticella dell’eccellenza dei livelli di prestazioni del reparto, diretto dal dottor Walter Di Bastiano, e consolida la propria posizione di struttura di riferimento per il centro-sud. Il nuovo servizio è stato inaugurato oggi, venerdì 13 dicembre, alle ore 11 (giorno in cui si celebra S. Lucia), alla presenza dello stesso Silveri. Nella cappella dell’ospedale, si è tenuta una messa celebrata dal vescovo di Avezzano, monsignor Pietro Santoro che ha impartito poi la benedizione.

90 interventi per la miopia. Il Laser, ultimo apparato tecnologico delle meraviglie di cui si è dotato l’ospedale, si chiama Femtolaser, ed è la prima apparecchiatura di questo tipo in strutture pubbliche in Italia. Dai primi di novembre scorso a oggi, ha già effettuato circa 90 interventi per la correzione della miopia. La macchina è costata circa un milione di euro.

Dal prossimo anno trapianti di cornea.

Dal 2014 cominceranno i trapianti di cornea. Con la nuova tecnica chirurgica legata al nuovo laser rispetto ai sistema tradizionali si abbasserà notevolmente (dal 50 al 30%), il rischio di rigetto nei trapianti di cornea. L’ultramoderno apparecchio, infatti, permette di asportare solo una porzione di organo e di lasciare intatta la parte interna. In questo modo, in virtù di una precisione pressoché assoluta nel taglio chirurgico sia della parte da rimuovere sia di quella da prelevare dal donatore, è garantita la migliore riuscita dell’operazione.

Impulsi alla velocità della luce. Per spiegare la ridottissima durata dell’impulso, emesso dal laser, si fa riferimento alla velocità della luce. Per avere un termine di paragone si può ricordare che la luce impiega 1 secondo per compiere 7 volte e mezzo il giro del mondo mentre in 100 femtosecondi attraversa lo spessore di un capello. Una tecnologia che consente di irradiare migliaia di impulsi e di gestirli adeguatamente sulla base del caso specifico da trattare.

Correzione di tutti i difetti visivi. Altro vantaggio del femtolaser è quello di trattare tutti i problemi della vista (miopia, ipermetropia, astigmatismo) riducendo i tempi, il trauma dell’intervento e la manipolazione meccanica all’interno dell’occhio a una velocità maggiore. Col sofisticato laser, intanto, è stata avviata una fase di sperimentazione di chirurgia refrattiva, riguardante la presbiopia (la difficoltà di mettere a fuoco da vicino legata all’età), destinata ad aprire nuovi orizzonti in questo tipo di trattamento.

Staff. Guidato dal dottor Di Bastiano, l’équipe di Oculistica è composta dai medici di reparto Marco D’Amico, Dino De Mattia, Vincenzo Novacco, Angela Tucceri, dalla caposala Antonia Rainaldi e dall’ortottista coordinatrice Elvezia Stati.

[url”Torna alla Home TargatoAz”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=221[/url]

X