IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Smart city, siglato accordo Comune-Enel

Il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente e il direttore della Divisione infrastrutture e reti di Enel Livio Gallo hanno siglato oggi l’accordo di programma che avvia il progetto “L’infrastruttura Smart Grids per L’Aquila e il suo ruolo nell’abilitazione di tecnologie e servizi per la Smart City”, alla presenza del direttore dell’Ufficio Speciale per la ricostruzione del Comune dell’Aquila, Paolo Aielli.

L’Aquila inizia così il suo cammino per diventare una città “intelligente” ed ecosostenibile, dotata di infrastrutture efficienti in grado di abilitare servizi innovativi ai cittadini e alla Pubblica Amministrazione, garantendo il minimo impatto ambientale grazie anche alla riduzione delle emissioni di CO2, in linea con quanto previsto dal Patto dei Sindaci e dai target di sostenibilità ambientale al 2020 dell’Unione europea.

L’iniziativa intende fare del capoluogo abruzzese una città sostenibile, che coniughi in un unico modello urbano tutela dell’ambiente, efficienza energetica e sostenibilità economica. Il primo tassello del cambiamento sono le [i]smart grids[/i], reti elettriche evolute in grado non solo di distribuire energia, ma anche di accogliere quella prodotta da fonti rinnovabili, divenendo bi-direzionali e in grado quindi di dialogare con il cliente, diventato “prosumer” (produttore-consumatore).

Le [i]smart grids[/i] sono dotate di sistemi di automazione e telecontrollo e di dispositivi per informare i clienti su quanto e come stanno consumando, aiutandoli ad avere maggiore consapevolezza sui propri consumi elettrici. Il progetto della città sostenibile prevede anche lo sviluppo della mobilità elettrica mediante l’installazione di sistemi di ricarica sul territorio che “dialogano” con la rete elettrica.

Dal progetto scaturiranno benefici per i cittadini, la Pubblica Amministrazione e il sistema elettrico nel suo complesso. Ottimizzazione dell’efficienza energetica, sviluppo della mobilità elettrica e altri servizi all’utente, riduzione delle emissioni di CO2 si coniugheranno con il miglioramento della qualità del servizio per il cliente, e la possibilità di sfruttare tali investimenti come volano per la creazione di un indotto “Green” a livello locale.

In progetto tre ambiti di intervento – Il progetto siglato tra Comune dell’Aquila ed Enel prevede tre principali ambiti di intervento, ognuno dei quali risulta abilitante e funzionale per la realizzazione degli altri.

Il primo è relativo agli interventi Smart Grids sulla rete elettrica: l’obiettivo è quello di potenziare l’attuale infrastruttura di distribuzione dell’energia elettrica, al fine di abilitare funzionalità avanzate per un miglior controllo e gestione di rete, garantendo in tal modo l’integrazione ottimale di nuovi impianti a fonte rinnovabile che saranno installati sul territorio cittadino e nuovi servizi. Tra questi interventi si annoverano: l’adeguamento di 6 cabine primarie che alimentano la città con moderni standard di protezione e controllo, l’adeguamento di 403 cabine secondarie con dispositivi smart (es. apparati di comunicazione su rete IP, nuovi apparati di controllo, organi di manovra motorizzati e tele controllati) e l’applicazione di dispositivi per migliorare l’efficienza complessiva del sistema (es. trasformatori a basse perdite). Inoltre, l’implementazione di un sistema di comunicazione a banda larga (con la posa di circa 30 km di fibra ottica nel centro cittadino ed il rilegamento con tecnologia LTE di tutte le cabine secondarie interessate al progetto), quale infrastruttura di connettività tra i principali elementi distribuiti della rete elettrica, è di fondamentale importanza per poter esercire le principali funzionalità di Grid Automation (tecniche per la selezione automatica e l’isolamento del tronco di linea guasto, di algoritmi e sistemi per il controllo automatico della tensione e l’automazione di rete – (MT e BT -).

Il secondo ambito di intervento riguarda gli Smart Urban Services, più in particolare esso riguarda la mobilità elettrica e la [i]Customer Awareness[/i]. Per quanto riguarda il sistema di mobilità sostenibile l’iniziativa prevede l’installazione di una rete di infrastrutture ad uso pubblico per la ricarica dei veicoli elettrici (50 punti di ricarica). Saranno installati, in accordo con i piani di mobilità comunali e le esigenze di spostamento tipiche del territorio, delle infrastrutture di ricarica innovative: perfettamente integrate nella rete di distribuzione dell’energia elettrica ed in grado di controllare e modulare la potenza di ricarica al fine di preservare la stabilità della rete elettrica. La rete delle infrastrutture di ricarica sarà interoperabile con infrastrutture installate in altri ambiti da altri DSO, con accesso non discriminatorio e multivendor, in grado di fornire servizi utili e differenziati rispetto ai diversi target di clientela.

Il sistema proposto consente di supportare sia la ricarica di veicoli elettrici di privati, sia veicoli elettrici che saranno acquisiti dalla municipalità per attivare ad esempio servizi di [i]car sharing[/i], con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo di un sistema di mobilità sostenibile ed efficiente. L’iniziativa [i]Customer Awareness[/i] consiste nella realizzazione di interventi finalizzati ad aumentare la consapevolezza e la responsabilizzazione dei cittadini circa i consumi di energia elettrica. Si sta infatti dimostrando, in vari progetti di ricerca e sviluppo, che la possibilità per l’utente di avere informazioni chiare in merito ai propri consumi energetici rappresenta una leva molto importante per eliminare comportamenti energetici poco razionali e ridurre di conseguenza i costi energetici.

Si prevede la consegna, a tutti i cittadini del Comune dell’Aquila (anche di Cagnano Amiterno e Scoppito), di dispositivi chiamati Smart Info (circa 50.000) che si interfaccino con lo Smart Meter elettrico (o Contatore Elettronico) e che rendano disponibili informazioni sui consumi elettrici e sull’eventuale energia prodotta e immessa in rete a diverse interfacce, quali dispositivi di visualizzazione per i consumatori (pc, smartphone). Tali interventi rappresentano l’infrastruttura abilitante per realizzare servizi di [i]In-Home Energy Management[/i], con lo scopo di ottimizzare i consumi elettrici e abilitare servizi di [i]Active Demand[/i]. La consegna dello Smart Info alla cittadinanza sarà accompagnata da apposite attività di coinvolgimento e comunicazione della cittadinanza per far capire al meglio le funzionalità e le potenzialità, per l’utente, in ottica di efficienza energetica.

Il terzo, e ultimo, ambito di intervento riguarda gli aspetti della Comunicazione e del coinvolgimento della cittadinanza nel percorso verso la Smart City. Pensare ad una Smart City senza prevedere la partecipazione dei cittadini è molto difficile. Le attività di comunicazione che saranno realizzate durante il progetto hanno lo scopo di coinvolgere attivamente i cittadini nei processi di innovazione che interessano la città, prendere spunto dai loro suggerimenti e punti di vista, promuovere la città a livello nazionale ed europeo.

«Siamo confidenti – ha detto il direttore Livio Gallo – sulla possibilità che il Progetto possa attivare un circolo virtuoso di competenze ed investimenti in grado di facilitare la nascita di un indotto “Green” che possa supportare lo sviluppo locale (es. per la realizzazione del progetto lavoreranno fornitori locali accreditati)».

I COMMENTI

Enel, «Obiettivo nuovi servizi a cittadini e P.A.» – «L’infrastruttura Smart Grids per L’Aquila e il suo ruolo nell’abilitazione di tecnologie e servizi per la Smart City è un progetto nato, pensato e costruito, partendo da una collaborazione istituzionale, iniziata circa un anno fa, tra il Comune dell’Aquila, Enel Distribuzione e l’Ufficio Speciale per la ricostruzione, rappresentato dal direttore Paolo Aielli». Lo ha detto il direttore della Divisione infrastrutture e reti di Enel, Livio Gallo.

«Il progetto, che è finanziato nell’ambito dei fondi della Delibera Cipe 135 del 2012 destinati ai Progetti Strategici per la città e che vede oggi il suo inizio ufficiale dal punto di vista delle attività operative sul campo – ha spiegato Gallo – mira a realizzare il tessuto infrastrutturale e tecnologico di base per lo sviluppo del territorio in ottica Smart City, con l’obiettivo, anche mediante il coinvolgimento di altri stakeholder, di abilitare nuovi servizi per i cittadini e la Pubblica Amministrazione. Il tema della Smart City, di cui si sente parlare molto a livello nazionale ed europeo, si può tradurre, in maniera molto semplice: nella capacità di pensare prima, e realizzare poi, un percorso di crescita sostenibile del territorio e dei contesti urbani che abbia l’obiettivo di migliorare la qualità della vita di coloro che vi abitano».

«Le aree urbane svolgono un ruolo fondamentale nella lotta ai cambiamenti climatici. L’aumento della temperatura è causato dalla crescente quantità di gas serra emessi in atmosfera, in particolare anidride carbonica (CO2), e le città risultano responsabili di circa il 60-70% delle emissioni globali di CO2. Esse però – ha osservato il dirigente Enel – rappresentano, allo stesso tempo, un eco-sistema in continua evoluzione e cambiamento. Protagoniste assolute dello sviluppo economico e sociale del pianeta, mai come oggi i centri urbani sono fonte di opportunità quanto anche di sfide».

«Infatti – ha rilevato – la tendenza futura è verso uno sviluppo ancor più sostenuto degli agglomerati urbani, che diventeranno, più di oggi, i pilastri del progresso e della crescita. L’esigenza strategica delle Pubbliche Amministrazione e delle aziende che lavorano in tali contesti è riuscire a bilanciare lo sviluppo dei territori e dei sistemi urbani garantendo la sostenibilità del processo di sviluppo urbano nel rispetto delle peculiarità territoriali. Ed è proprio questa la sfida che Enel Distribuzione ha voluto raccogliere nel momento in cui siamo stati chiamati a collaborare con il Comune e l’Ufficio Speciale per la ricostruzione sul tema Smart City. Come distributore di energia elettrica abbiamo un compito importante; le infrastrutture elettriche chiamate ‘[i]Smart Grids[/i]’, giocano un ruolo fondamentale nell’abilitare servizi innovativi per i cittadini e la Pubblica Amministrazione. [i]Smart Grids[/i] non significa costruire nuove reti elettriche; [i]Smart Grids[/i] significa applicare/installare sulle reti elettriche esistenti tecnologie innovative in grado di garantire una migliore gestione dei flussi di energia e quindi un miglior servizio al cittadino».

«Tramite l’abilitazione di questi servizi (che riguardano principalmente la razionalizzazione dei consumi energetici negli edifici e lo sviluppo della mobilità elettrica) – ha quindi spiegato Gallo – pensiamo si possa spingere altri attori industriali di primario rilievo ad investire nella città e creare un indotto ‘Green’ di cui possa beneficiare il territorio. Il progetto, che è stato anche sottoposto al vaglio tecnico-scientifico dell’Università dell’Aquila che ne ha confermato la bontà della struttura tecnologica e funzionale, ha un valore complessivo di circa 16 milioni di euro e copre l’intero territorio del Comune dell’Aquila, includendo quindi anche tutte le frazioni del capoluogo abruzzese».

«Inoltre – ha concluso il direttore della Divisione infrastrutture e reti di Enel – nella logica della Città-Territorio, fortemente sponsorizzata dal Comune dell’Aquila e per garantire una sinergia di intervento sulle infrastrutture energetiche funzionali all’alimentazione dell’Aquila, beneficeranno di alcuni interventi anche i Comuni di Cagnano Amiterno e Scoppito».

X