IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Officina musicale in Ateneo

Giovedì 12 dicembre a partire dalle ore 21, nella Tensostruttura Farmindustria nel Polo universitario di Coppito, si terrà il primo Concerto della rassegna musicale “Officina musicale in Ateneo”. Si tratta di [i]The dark side of the moon[/i], famosissimo lavoro dei Pink Floyd del 1973, trascritto in questa occasione dal compositore inglese Mark Hamlyn su commissione dell’Officina Musicale dell’Aquila.

Durante la serata saranno presentati separatamente i testi del brano The dark side of the moon letti dall’attore Claudio Marchione e la parte strumentale eseguita dall’Officina Musicale sotto la direzione del maestro Orazio Tuccella.

La versione che viene riproposta in Ateneo, è stata eseguita per la prima volta il 29 gennaio 2012 presso il Ridotto del Teatro Comunale dell’Aquila. Scopo della trascrizione per 16 strumenti, è quello di far ascoltare lo stesso brano con un “suono classico” e di ricrearne il linguaggio musicale con strumenti adoperati prevalentemente nel repertorio della musica classica, ad eccezione della batteria.

«Abbiamo pensato – afferma il maestro Orazio Tuccella – ad una trascrizione per un ensemble cameristico (due violini, viola, violoncello, contrabbasso, flauto, due clarinetti, clarinetto basso, sax tenore/soprano, corno, tromba, trombone, tuba, tastiere e due percussionisti) che ha mantenuto rigorosamente tutte le componenti fondamentali del brano (melodia, armonia e ritmo) dando alla musica, con questo organico, un colore completamente diverso e mettendo in rilievo le linee musicali più nascoste, cosa che non sempre risulta evidente all’ascolto dell’originale».

«La difficoltà maggiore della trascrizione – continua Tuccella – è stata rappresentata ovviamente dalla parte elettronica dei brani che, nel caso di The dark side of the moon, rappresentò all’epoca una cifra stilistica di assoluta specificità».

«Il Concerto – dice il prorettore delegato alle Attività culturali prof. Alfio Signorelli – è il primo dell’intenso programma della rassegna dal titolo “Officina Musicale in Ateneo”, che vedrà esibirsi la compagine musicale in altre otto esecuzioni nell’Aula Magna del Dipartimento di Scienze umane, con programmi molto vari per genere musicale e modalità di esecuzione. Siamo lieti di ospitare nel nostro Ateneo l’Officina Musicale, un ensemble tanto prestigioso con il quale collaboriamo allo scopo di favorire opportunità ricreative di alto spessore culturale all’insegna di una presenza significativa e costruttiva dell’Università nel territorio di riferimento».

X