IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

15 gennaio, giorno del giudizio per i tribunali

Nella casa degli abruzzesi, l’Emiciclo regionale, Istituzioni, ordini forensi e comitati territoriali danno vita a una cabina di regia, il coordinamento regionale, per marciare tutti uniti verso la conquista di un risultato storico: l’OK della Corte Costituzionale al referendum salva tribunali chiesto, prima volta nella storia della Repubblica, da nove Regioni, con l’Abruzzo capofila.

Partita fissata per il 15 gennaio, giorno dell’udienza in camera di consiglio: vista la posta in gioco, nel vertice all’Emiciclo i delegati della Regione, Gino Milano ed Emilio Nasuti, i sindaci Giovanni Di Pangrazio (Avezzano), Giuseppe Ranalli (Sulmona) e Luciano Lapenna (Vasto), i presidenti degli ordini forensi, i rappresentanti delle Province e i comitati territoriali hanno fissato la scaletta delle priorità, con in testa l’elaborazione di una memoria da presentare alla Corte Costituzionale, per ribadire le ragioni e la correttezza del quesito referendario.

Linea che sarà sottoposta al vaglio delle altre 8 Regioni in un vertice a Roma in agenda il 20 dicembre, dove si punterà a condividere un documento unico da sottoporre alla Corte Costituzionale. L’azione pro-referendum, comunque, (che sta registrando adesioni anche in Sicilia, Lazio, Umbria e Toscana), viaggia di pari passo con iniziative di sensibilizzazioni nei territori per creare l’onda lunga contro una legge bollata da più parti come ingiusta e senza fondamenta. «Quest’avventura nata da un’esplorazione mai avvenuta – ha sottolineato Milano – apre un solco nuovo nella giurisprudenza costituzionale».

Operazione che vedrà in prima linea i componenti del coordinamento regionale guidato dall’avvocato Fabiana Contestabile (presidente comitato pro referendum di Avezzano); composto da Giuseppe Ranalli (sindaco di Sulmona); Emanuele Laudadio (Comune di Lanciano), Mario Babbo (Comune Avezzano), Gabriele Tedeschi (presidente Coa Sulmona); Nicola Artese (presidente Coa Vasto), Sandro Sala (presidente Coa Lanciano), Sandro Ranaldi (presidente Coa Avezzano); Angela Marina Nigro (comitato territoriale Lanciano), Felicia Mazzocchi (consigliere delegato provincia L’Aquila); Agostino Barbati e Antonio Carlini (Comitato pro referendum).

«La formazione del coordinamento regionale – afferma il presidente, Fabiana Contestabile – è un passo importante che rafforza l’iniziativa referendaria in contrasto con la riforma della geografia giudiziaria. La partecipazione di Enti e Istituzioni è un chiaro segnale della volontà popolare che non potrà rimanere inascoltata».

[url”Torna alla Home TargatoAz”]http://ilcapoluogo.globalist.it/?Loid=154&categoryId=221[/url]

X