Quantcast

Sanità, Abruzzo verso estinzione debito

Più informazioni su

La Regione Abruzzo ha erogato ad oggi, alle Asl, 476 milioni di euro per il pagamento dei debiti verso i fornitori.

L'erogazione di cassa straordinaria è stata possibile grazie alla disponibilità di risorse, sia regionali sia trasferite recentemente dallo Stato con l'anticipazione di liquidità che ha sostituito il mutuo.

Le Aziende sanitarie stanno saldando i loro debiti con i fornitori secondo un ordine di anzianità delle fatture emesse. La notizia è stata resa nota dal Commissario ad acta per la Sanità, Gianni Chiodi, che rivela anche le ultime stime di Assomedica, al mese di settembre, per i tempi di pagamento: «I tempi di pagamento per i biomedicali hanno raggiunto i 158 giorni, il valore più basso dal 1997 ad oggi. L'Abruzzo è al nono posto in Italia con una media nazionale di 243 giorni, con 200 giorni per l'Emilia Romagna, 205 per il Veneto e 211 per la Toscana. Dal mese di gennaio lo scoperto verso Assobiomedica è passato da 112.5 milioni di euro a 89.5. L'Abruzzo dopo la Liguria è la regione in piano di rientro che ha i tempi di pagamento più bassi, e già per il prossimo mese ci aspettiamo che i tempi di pagamento arrivino a 120 giorni».

Secondo il commissario, si sono ridotti anche i tempi delle singole aziende sanitarie, con le Asl di Teramo e Pescara con tempi rispettivamente di 90 giorni e 110, che valgono il 30esimo e il 58esimo nella classifica nazionale delle Asl.

«Tutto questo - conclude Chiodi - equivale ad immettere maggiore liquidità nel sistema delle imprese, ovvero sostenere la ripresa del nostro Paese, aumentare gli investimenti delle aziende e limitare l'aumento della disoccupazione».

Più informazioni su