Quantcast

Per bimbi verdure crescono su alberi

I bambini non conoscono l'origine di ciò che mangiano: per alcuni le verdure crescono sugli alberi (16%), per altri le uova si sviluppano sui banconi del supermercato (19%) e sono solo di cioccolato (18%). A dirlo è uno studio di [i]In a Bottle[/i] condotto su 1.400 mamme tra i 20 e i 45 anni attraverso un monitoraggio online, per capire quanto i loro figli ne sanno di sana alimentazione e idratazione.

Secondo i bambini coinvolti nell'indagine, tra i 5 e gli 11 anni, il formaggio "è il cibo preferito dai topi" (24%), mentre i legumi "sono semini da cui nascono piante" (14%) o sono "quelli della tombola" (23%), anche se a diversi altri, più semplicemente, "fanno schifo" (17%).

Le verdure, invece, che dovrebbero essere alla base di un'alimentazione sana, sono bocciate senza speranza: per il 47% dei piccoli "hanno un pessimo sapore" mentre per uno su due (52%) "puzzano". E anche i pesci non se la passano meglio: per certi bimbi (13%) "vivono nelle pescherie" o "negli acquari" (19%), mentre per uno su quattro (26%) "poi diventano a forma di bastoncino".

Infine, se la passa male anche la tanto celebrata dieta mediterranea: secondo il 56% delle mamme i loro figli pensano che "è quella che fanno i grandi per dimagrire", mentre sei su dieci (61%) pensano che "viene fatta mangiando cose schifose".

Stessa percentuale per l'acqua, che secondo molti bimbi (62%) è "tutta uguale" e che quella frizzante "fa male perché pizzica la lingua e la bocca" (28%).