Quantcast

No al giornale Reg Flash

Molte polemiche sta suscitando la notizia del bando di gara, pubblicato sul numero 31 del 4 settembre 2013 del Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Telematico – BURAT, nel quale si apre un provvedimento amministrativo relativo alle procedure di gara per la pubblicazione del periodico “La Regione Flash Abruzzo” che sara’ prodotto dalla Struttura Speciale di Supporto Stampa della Giunta Regionale e distribuito attraverso la rete delle edicole abruzzesi.

Il Giornale di informazione della Giunta Regionale costerà 120 mila euro per la stampa di dieci numeriche saranno distribuiti in edicola al costo finale di 0,35 centesimi.

La consigliera Marinella Sclocco (Pd) ha sottoscritto la risoluzione di Maurizio Acerbo (PRC) per contrapporsi «ai 120mila euro di soldi pubblici per la campagna elettorale di Chiodi».

«Sottoscrivo la risoluzione urgente del collega Acerbo per il ritiro della determina  per il giornale di informazione delle attività della Giunta e spero lo facciano  anche gli altri colleghi consiglieri d'opposizione.» Afferma la consigliera del PD.

«In un momento così delicato per le casse dello Stato e della Regione mi sembra davvero inopportuno, nonché strumentale, mettere in circolazione un periodico della maggioranza. Direi -  spiega la Sclocco - che si tratta di una forma di autocelebrazione funzionale alla prossima campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio Regionale.

I cittadini abruzzesi sono già notevolmente provati dalle tassazioni dovute alla crisi, dalla mancanza di erogazione di servizi essenziali e non hanno bisogno che chi li rappresenta destini una cifra come 120mila euro alla diffusione del giornalino della Giunta.

Il Governatore potrà informare i suoi elettori  e comunicare le attività della sua Giunta attraverso economie diverse da quelle pubbliche».