Cialente, «sì a Capitale Cultura 2019»

«Penso che L'Aquila abbia grandissime chance di diventare Capitale europea della cultura nel 2019, alla luce del pacchetto che stiamo costruendo: incontreremo il Governo per presentare il nostro piano». Così il sindaco del capoluogo abruzzese, Massimo Cialente, sulla candidatura della città.

«In prospettiva, oltre alla ricostruzione per il rilancio complessivo molto si muove sulla candidatura dell'Aquila a Capitale europea della cultura 2019, un obiettivo che stiamo riempiendo di tanti contenuti con una scadenza che potrebbe risultare simbolica ed essere legata al completamento della ricostruzione», spiega Cialente, che sottolinea anche di essere «sereno; quando ci siamo candidati ho promesso che saremmo partiti alla grande, ce l'ho fatta, visto che con la fine del commissariamento siamo partiti a forte velocità, se ci danno benzina ora abbiamo una macchina che corre».

Sulle prospettive delle zone terremotate, Cialente evidenzia che, oltre che sulla candidatura, «stiamo lavorando sulla questione della restituzione delle tasse, la città sta ripartendo, infatti stanno finendo i lavori in periferia, tra 3 anni saremo a buon punto anche nella ricostruzione del centro storico».

«Per il rilancio economico puntiamo sui 100 milioni previsti ad hoc dalla delibera Cipe che vogliamo destinare - conclude - tra le altre cose agli investimenti industriali basati sull'alta formazione».