Concorsone: «Selezione esemplare»

Negli uffici del dipartimento della Funzione pubblica si sono conclusi i lavori della Commissione interministeriale Ripam, che ha proceduto all'assegnazione dell'ultimo posto disponibile nell'ambito del concorso per l'assunzione di 300 unità di personale da assegnare ai comuni del post terremoto aquilano del 6 aprile 2009.

La Commissione è coordinata dal capo dipartimento della Funzione pubblica e composta dai rappresentanti della ragioneria generale dello Stato e del ministero dell'Interno.

«Tutte le fasi di selezione - si legge in una nota dell'ufficio stampa del ministro per la Pubblica amministrazione e la semplificazione - sono state seguite in maniera esemplare dal Formez con procedure trasparenti ed efficaci che nella loro rapidità hanno dimostrato capacità concreta di semplificazione. In meno di un anno dalla pubblicazione del bando, avvenuta l'11 settembre 2012, si sono concluse le procedure per l'assegnazione di tutti i posti a concorso, rispettando gli impegni assunti dall'allora ministro Barca, per conto del Governo, con il Comune dell'Aquila, i 56 Comuni del Cratere e il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, destinatario di 100 delle 300 unità assegnate. Già la chiusura della fase selettiva (febbraio 2013) e la successiva nomina dei vincitori (marzo 2013) avevano segnato un record europeo: in meno di sei mesi dalla pubblicazione del bando oltre il 90% dei vincitori erano stati proclamati. La riserva prevista dall'articolo 1 del bando, a tutela dei precari già impegnati nella ricostruzione, è stata applicata fino ad esaurimento di tutti i posti disponibili per i riservatari. Definita la fase di assegnazione, la Commissione Interministeriale procederà a eventuali nuove assegnazioni richieste dagli enti interessati, attingendo dalle graduatorie degli idonei ancora disponibili, secondo l'ordine di merito. Forte è l'auspicio che ora altre amministrazioni, a partire da quelle abruzzesi, attingano alle graduatorie con le quali sono stati individuati, nella totale trasparenza, le migliori competenze emerse tra ben 37.000 partecipanti».

«Esprimo soddisfazione per la conclusione in tempi rapidi delle procedure per l'assegnazione di 300 unità ai comuni del post terremoto aquilano - afferma il ministro per la Pubblica amministrazione e semplificazione Gianpiero D'Alia - un segnale positivo da prendere come esempio affinchè tutte le Pubbliche Amministrazioni lavorino in totale trasparenza e utilizzino le graduatorie del concorso senza ripetere nuove procedure concorsuali».

«Con particolare soddisfazione deve essere accolta la notizia della conclusione delle procedure del concorso pubblico che corona il complesso degli interventi necessari per accelerare il processo di ricostruzione - commenta il ministro per la Coesione territoriale, Carlo Trigilia - E' un fatto importante che conferma la capacità operativa del personale dell'amministrazione nel rispondere alle esigenze della popolazione del territorio colpito dal sisma del 2009».