IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Là dove c’erano gerani

Scrive Giuseppe Capograssi in [i]Lettere a Giulia[/i] “Sì, io amo i luoghi della mia fanciullezza, o Giulia, e amo pure i luoghi della fanciullezza della mia stirpe: la mia casa è vecchia, e lacerata e scarnita da un così lungo volare di anni e di secoli sopra di essa, ma io l’amo perché è la mia casa. . . e vi dormono i miei maggiori che vi si sono, l’uno appresso all’altro, addormentati nel Signore, da tanto tempo, da troppo tempo”.

Dopo “Le cose di ogni giorno” il percorso di questo blog continua con le poesie sui micro luoghi, ovvero “I luoghi della nostra vita” che sono nella realtà quotidiana di ciascuno di noi sequenze temporali di esistenza, spazi legati al filo conduttore delle azioni e delle memorie. Evocando suoni, rumori, odori, visioni, memorie legati ai nostri sensi ci dicono che in essi abbiamo passato e passiamo il tempo della nostra vita e sono lo specchio dei sentimenti e delle emozioni che fanno di questa vita “una storia”.

Là dove c’erano gerani

di Valter Marcone

Tra i muri sbrecciati e i tetti

scompigliati, cresce ora l’erba

e il sole bagna uno sterpo di rosmarino

là dove c’erano gerani alle finestre

e colombi a spulciarsi al sole.

Le porte rimaste in piedi sulle pareti

sembrano macchie

che crescono dentro gli occhi

e che il fragore delle parole inselvatichite

potrebbe finire di buttare giù.

Ora dita di fabbro ferraio,

dita piene di scommesse

si alzano e si riflettono nel cielo

Non c’è il blu nel cielo

il blu che confuse il nostro sguardo

quando vedemmo quell’altro

cielo di cotone ancora blu sulle nostre teste

le notti e i giorni d’aprile.

Si sollevano ora gli anni

alle spalle, alle spalle. I vivi e i morti

tutti insieme tornano a guardare

il cielo, a cercare il blu e non fu

non fu invano strapparsi,

come per una ventata ai cari, ai luoghi.

D’amore in amore, di giorno in giorno

ancora, ancora con quel nuovo blu

là torneranno gerani

e i miei occhi a guardare il cielo.

[url”Torna al Network LeStanzeDellaPoesia”]http://ilcapoluogo.globalist.it/blogger/Valter%20Marcone%20-[/url]

X