IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

«Gli anziani cercano di dare decoro al paese»

di Raffaele Alloggia

Dopo il terremoto del 6 aprile 2009, come ogni anno, un nutrito gruppo di soci del Circolo Sociale Anziani di Paganica, il 23 luglio di buon’ora si sono dati appuntamento “al cortile delle suore” o meglio al Cortile Duca Costanzo del palazzo omonimo, con lo scopo di ridare sia al luogo che all’adiacente piazza principale del paese e la settecentesca fontana, la dignità di una volta se non fosse altro, per la loro antica bellezza, almeno per una parte piccola del centro storico.

Armati di carriole, badili, rastrelli, zappe e gli assordanti ma indispensabili decespugliatori, in poche ore hanno cambiato il volto a quel luogo abbandonato anche se quotidianamente molto trafficato. Alte erbacce e fusti di arborei nati ai bordi della piazza e della chiesa parrocchiale, rendevano quasi irriconoscibile l’ambiente in particolar modo ai nostri emigranti che sono tornati e ritorneranno per le vacanze estive.

{{*ExtraImg_151978_ArtImgLeft_300x225_}}

Carriole e carriole di terriccio sceso dalla parte alta del paese in seguito alle frequenti piogge di questi giorni che hanno completamente ostruito le caditoie. Ma mentre gli anziani tendono di restituire il decoro al cuore del loro paese, a qualche chilometro di distanza in una delle più belle valli del comprensorio aquilano dove scorre il torrente Raiale, tra il Santuario della Madonna D’Appari e la Fontana dell’omonima Valleverde, c’è una discarica a cielo aperto, che se pur vero, ovunque essa sia è una cosa disgustosa, spregevole e incivile, tra l’insenatura di quelle rocce in quell’angolo di paradiso, nella porta del parco del Gran Sasso, è un vero pugno al cuore.

Tra un mese circa, quel tratto di strada provinciale, non essendoci il sentiero che costeggia il torrente Raiale, sarà percorso da un serpentone di persone che parteciperanno al “Percorso della Pace e del Perdono”, che partendo al mattino da San Pietro della Jenca, arriverà il pomeriggio al piazzale di Collemaggio, passando per la chiesa di San Pietro al Morrone di Paganica. Mi auguro che per quella circostanza, chi di competenza possa rimuovere quello scempio.

X