IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Zona Adriatico, «Sismicità non trascurabile»

Il terremoto di magnitudo locale 4.9 che la notte tra il 20 e il 21 luglio ha colpito il distretto sismico “Monte Conero” ha interessato una «zona conosciuta per la sua pericolosità sismica, che non è elevata come all’interno della catena appenninica, ma non è comunque trascurabile». A precisarlo sono i ricercatori dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) che attraverso alcuni post pubblicati sul blog [i]Ingv Terremoti[/i] hanno analizzato la scossa di magnitudo 4.9 e la pericolosità sismica dell’intera area.

Il terremoto del 21 luglio, registrato alle 3.32, ha avuto epicentro in mare, al largo della costa delle Marche tra le province di Ancona e Macerata. Tra i comuni più vicini all’epicentro: Loreto, Numana e Sirolo in provincia di Ancona e Porto Recanati in provincia di Macerata. «L’evento sismico – spiegano i ricercatori dell’Ingv – è stato preceduto da 5 scosse di magnitudo compresa tra 2.1 e 3.2, a partire dal 17 luglio, e seguito da numerose altre repliche».

{{*ExtraImg_151343_ArtImgCenter_500x213_}}

«La pericolosità sismica – precisano gli esperti – varia in funzione di diversi parametri, ma senza dubbio il più importante è la frequenza dei terremoti avvenuti in una regione e la loro magnitudo. La regione dell’off-shore adriatico, all’altezza delle Marche, presenta le caratteristiche di una zona sismica: terremoti storici e faglie attive. Il numero e la magnitudo dei terremoti del passato non sono confrontabili con i grandi eventi dell’Appennino, ma ugualmente hanno avuto un impatto rilevante. La storia sismica di Ancona rivela infatti numerosi eventi con intensità Mercalli (Mcs) pari o superiore al VII grado, nel 1269, 1474, 1690, 1741, 1870».

«Il catalogo della sismicità storica – precisano i ricercatori – riporta un terremoto di magnitudo 5.1 nel 1917 a Numana e un terremoto di magnitudo 5.8 nel 1930 a Senigallia e altri eventi di magnitudo intermedia, lungo la costa. Tuttavia in alcuni punti della costa Adriatica sono state stimate magnitudo fino a 6.1, come nel 1916 quando nell’arco di pochi mesi una serie di terremoti (magnitudo 5.5/6.1) ha interessato la zona settentrionale della costa marchigiana. In tempi più recenti, ricordiamo gli anni 1970/71/72, quando è avvenuta a nord del Conero una lunga sequenza con eventi di magnitudo inferiori o prossimi alla magnitudo 5.5, e il terremoto di magnitudo 5.1 del 1987 di Porto San Giorgio».

«La conoscenza delle faglie attive nel settore dell’off-shore adriatico – concludono gli esperti dell’Ingv – si basa soprattutto sull’esplorazione sismica effettuata negli ultimi decenni per ricerche di idrocarburi. L’interpretazione delle linee sismiche ha mostrato l’esistenza di diversi fronti compressivi sepolti, analoghi in qualche modo a quelli della pianura padana. Si tratta di strutture a carattere compressivo o trascorrente, come anche testimoniato dai pochi meccanismi focali dei terremoti recenti. Per quelli antichi non esistevano dati per determinarli. Secondo i modelli geologici prevalenti questi fronti geologici sepolti sono attivi e orientati parallelamente alla costa e sarebbero frammentati da faglie trascorrenti, ossia con spostamento laterale di un settore rispetto a quello adiacente, perpendicolari ai fronti stessi».

X