IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

Presentazione progetto ‘Masterclass in Italy’

E’ stato presentato stamani, in Comune, il progetto “Masterclass in Italy 2013”, alla presenza dell’assessore al Turismo Lelio De Santis, dell’ideatore, maestro Francesco Civitareale, del maestro Renzo Giuliani, curatore organizzativo, del professor Fabrizio Pezzopane, in rappresentanza della Società dei Concerti “Barattelli” e del maestro Rosalinda Di Marco, in rappresentanza del Conservatorio di Musica “Casella” dell’Aquila.

«Il progetto – ha spiegato l’assessore De Santis – è organizzato e promosso dall’associazione culturale “Il Suono in Movimento”, con il patrocinio del ministero della Cultura Lussemburghese e del Comune dell’Aquila, e realizzato in collaborazione con il Conservatorio di Musica “Alfredo Casella” e la Società Aquilana dei Concerti “Bonaventura Barattelli».

L’iniziativa andrà avanti fino al 29 luglio, attraverso un percorso di formazione nell’ambito della musica classica, della danza classica, del canto lirico, facendo conoscere, al contempo, ai circa 150 partecipanti ai corsi, provenienti dal Lussemburgo, dalla Francia e da diverse città italiane, le bellezze storico-architettoniche e paesaggistiche del territorio aquilano.

«La filosofia del progetto, giunto oramai alla sua terza edizione, – ha proseguito l’assessore – è quella di creare una sorta di “alleanza” tra musica, danza e canto, al fine di favorire scambi multidisciplinari tra le varie arti e l’incontro di giovani provenienti da diversi Paesi, attraverso stage, iniziative pedagogiche e masterclasse di livello internazionale, promovendo, al contempo, la conoscenza di aree geografiche italiane che rivestono un particolare interesse e una spiccata vocazione per il turismo culturale».

I corsi, che avranno luogo nelle aule del Conservatorio “Casella”, saranno tenuti da prestigiosi docenti italiani e internazionali, e serviranno anche alla preparazione di concerti e manifestazioni pubbliche. La prima uscita è programmata per giovedì 25 luglio, nel Comune di Bussi sul Tirino.

Venerdì 26, invece, tra le 16.30 e le 18.30, alcuni ensemble effettueranno dei “flash mob” musicali in città, ovvero brevi interventi in luoghi non istituzionali, localizzati, in particolare, nel Parco del Castello e alla Villa Comunale; nella stessa giornata, dalle ore 16, una formazione da camera offrirà un “pomeriggio musicale” agli ospiti della residenza sanitaria “Villa Dorotea”, a Scoppito.

Sabato 27, alle ore 21, presso il Gran Teatro Parco della Arti di Monticchio, e domenica 28, alle ore 17, nell’Auditorium del Conservatorio “ Casella”, all’Aquila, si terranno, infine, i concerti conclusivi dei corsi in cui, sotto la direzione del maestro Roberto Bongiovanni e le coreografie Isabelle Jourdan e Lionel Droguet, verranno eseguite musiche di Verdi, Puccini, Mozart, Rossini, Vivaldi, Wiltgen, Kinze, Haendel, Mascagni.

L’iniziativa, molto complessa per ricchezza e articolazione, nasce dall’idea e dalla progettualità del maestro Francesco Civitareale, contrabbassista, direttore d’orchestra, compositore, presidente dell’Associazione “Il Suono in Movimento” e anche direttore artistico della “Masterclass in Italy”.

L’aspetto che rende peculiare questo progetto, però, si lega anche alla sua proposta di valenza più turistica: ai partecipanti stranieri, infatti, verrà data anche la possibilità di poter vedere, accompagnati da esperte guide turistiche, le bellezze storico-architettoniche e paesaggistiche del nostro territorio, per poterne meglio apprezzare specificità e caratteristiche.

«L’unione di cultura e turismo può costituire un binomio molto importante per lo sviluppo e l’economia di una città ed di un territorio, soprattutto se questi registrano la presenza di numerose e prestigiose Istituzioni come il nostro, basti pensare all’università degli studi dell’Aquila, ai Laboratori dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare del Gran Sasso, al Teatro Stabile, all’Orchestra Sinfonica, all’Accademia di Belle Arti, al Conservatorio di Musica, alla sede abruzzese del Centro Sperimentale di Cinematografia e così via di seguito. Tutto questo – ha concluso l’assessore – rappresenta un’enorme potenzialità che, se messa a regime e ben strutturata, se sostenuta con attenzione ed interesse, farebbe del nostro capoluogo, nonostante i disastri del terremoto, un punto di riferimento nazionale ed internazionale, per i flussi turistici. Ben vengano, quindi, queste iniziative, nella consapevolezza che esse possano costituire un volano per la nostra industria turistica, e un’occasione impedibile per meglio far conoscere i nostri meravigliosi territori e il nostro splendido patrimonio artistico e culturale».

X