Quantcast

Alessandra D’Ettorre prima italiana nel Tour de la Bretagne

«Non del tutto soddisfatta della prestazione al suo ultimo Giro d’Italia, Alessandra D’Ettorre va a riscattarsi in Francia al Tour de la Bretagne». A comunicarlo è il presidente dell'associazione sportiva dilettantistica Aquilotti Renato Palumbo.

«Nella - continua Palumbo - prima tappa, promuove una fuga di 11 atlete che giungono da sole al traguardo. Salirà sul podio con un prestigiose terzo posto dietro la russa Oxana Kozonchuk e Svetlana Bubenkova. La 35enne atleta italiana della Vaiano Fondriest, sfiora anche la conquista della maglia del Gran Premio della Montagna, giungendo seconda dopo la polacca Pawlowska. Nella frazione a cronometro vinta da Vera Koedooder, accusa un ritardo di 1’ e 20”, niente male per un’atleta che non ama il cronometro».

«Nella terza tappa - aggiunge Palumbo - sul traguardo di La Capelle Bonexic, giunge con il primo gruppo regolato in volata dalla polacca Katarzyna Pawlowska. Roxana Fournier vince la 4^ ed ultima tappa da Crozon a Paullan sur Mer ddi Km 113,7, in una gara che parla molto italiano. Infatti al quinto posto si classifica Barbara Guarischi seguita al sesto da Anna Travisi e da Alessandra D’Ettorre al nono».

«Nella classifica - continua Palumbo - generale finale, la vittoria va alla giovane transalpina Andrey Cordon (classe 1993) che precede l’olandese Thalita De Jong di 15” e la russa Svetlana Stolbova di 22”. Prima delle italiane al 12° posto Alessandra D’Ettorre a 1’ e 14”».

«Niente male - conclude Palumbo - per un’atleta a fine carriera ma con un primato storico sulle spalle: prima donna italiana a vincere il titolo di Campione del Mondo su strada (Slovenia 1996) e quello di Campione Europea su strada (Polonia 2000). Per i dettagli, al Tour de la Bretagne hanno partecipato 24 squadra di paesi diversi con 144 atlete».