IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio

La notte pescarese di Lorenzo

Ha deciso di festeggiare i suoi venticinque anni di carriera con un nuovissimo ‘Backup Tour‘ negli stadi italiani, iniziato con il primo concerto di ieri sera a Pescara.

Davanti a ventimila spettatori Jovanotti ha cantato e ballato per tutta la sera e nessuno dei ventimile presenti è riuscito a star fermo quando nell’aria andavano canzoni come “Non m’annoio”, “Ciao mamma”, “Piove” e “Serenata rap”, o a non scatenarsi ascoltando “Mezzogiorno” e “L’ombelico del mondo”.

32 brani in scaletta che hanno ripercorso i venticinque anni del cantante toscano, con tutti i generi che hanno caratterizzato la sua lunga e brillante carriera.

Una lunga passerella e tre maxischermi danno vita a una festa di puro divertimento ed energia, condita dagli storici successi del cantautore toscano. Ma non solo. C’è spazio anche per momenti ‘rubati’ a brani di artisti come Ligabue e Venditti.

«Buonasera a tutti! Grazie di essere venuti. Ora vi porto a fare un giro», dice ai fan in apertura di concerto.
C’è anche il Jovanotti melodico e romantico di brani come “A te” e “Baciami ancora”.

Brani riarrangiati e canzoni fedeli all’originale scandiscono i momenti di una serata indimenticabile, che i pescaresi porteranno nel cuore a lungo. Uno spettacolo di grande impatto, con i maxischermi che si illuminano delle immagini più variegate. Come quelle, rielaborate, del corpo di Jovanotti. Immancabili le nuove hit “Tensione Evolutiva” e “Ti porto via con me”, quest’ultima incoronata tra le più amate dell’estate 2013. Jovanotti, per una notte re dell’Adriatico, regala anche momenti più personali ai fan: «Quand’ero bambino il mio babbo portava a casa tutte le settimane la settimana enigmistica. Io chiedevo che mi facessero fare il giochino dei puntini. Era la mia sicurezza. La vita era più semplice. Per noi non è così, abbiamo a disposizione costellazioni infinite di puntini, dobbiamo andare a cercarci le nostre figure. Possiamo scegliere di disegnare quello che vogliamo». Ed ecco che le stelle iniziano a scorrere sui maxischermi allestiti per il concerto più atteso dell’estate. «Se andate a cercare la vostra figura e scoprite che l’immagine non vi piace non preoccupatevi. Le stelle sono sempre lì e potete ricominciare con una nuova».

Il tour prende il nome da “Backup – Lorenzo 1987 – 2012”. L’album è nei negozi dallo scorso novembre, che ripercorre la vita artistica di Jovanotti attraverso tutti i suoi successi, otto inediti, remix, collaborazioni e versioni alternative. Una raccolta che Lorenzo ha presentato al suo pubblico come quella di tutta la sua «vita musicale fino a questo punto».

X