IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Estate Castellana 2013

Appuntamenti artistici, teatrali, musicali, cinematografici, con una serie di novità e conferme.

E’ più lunga l’Estate Castellana edizione 2013, a partire dalla rappresentazione notturna “Ome se nasce bregànte se mòre” del 27 luglio e fino a settembre con il Festival nazionale dei Borghi più belli d’Italia.

L’Estate Castellana, promossa con impegno dall’amministrazione comunale pur tra le tante difficoltà economiche, offre a residenti e turisti l’occasione di una vacanza per tutti.

Tra le novità, numerosi appuntamenti li propone la rassegna “Castel d’autore” – direttore artistico Mauro Liberatore – con eventi di varia natura, tutti gratuiti per il pubblico. L’esordio il 4 agosto con il “Festival degli affetti” – un’idea di Claudio Botosso, attore teatrale -, serate del cinema dei sentimenti, che propone la proiezione sei pellicole di grandi autori che raccontano storie di donne e uomini abruzzesi.

A cominciare (domenica 4 agosto) da “Fontamara” di Carlo Lizzani tratto dal romanzo di Ignazio Silone; il film sarà preceduto da una breve presentazione della protagonista, Ida Di Benedetto.
Poi sarà la volta di “Serafino” di Pietro Germi, con Adriano Celentano e Ottavia Piccolo (11 agosto);
“Big Night” di Campbell Scott e Stanley Tucci, con Isabella Rossellini (18 agosto); “Aspetta primavera Bandini” di Domenique Derudderre , tratto dall’omonimo romanzo di John Fante, con Ornella Muti (25 agosto); “Uomini e lupi” di Giuseppe de Santis, con Silvana Mangano e Yves Montand (28 agosto).

Conclusione il 31 agosto, con “Sciopén” di Luciano Odorisio con Michele Placido e Giuliana de Sio; nel cast c’è anche il professor Carlo De Matteis dell’Università dell’Aquila, che interverrà alla presentazione del film insieme al regista Odorisio.

E poi la musica. Serenate e balli della tradizione popolare italiana con il concerto “Taranta d’amore” (22 agosto) di due grandi artisti come Ambrogio Sparagna e Peppe Servillo accompagnati dall’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Per il teatro, sabato 24 agosto Benedicta Boccoli e Claudio Botosso portano in scena “Disordine e confusione”, due atti unici dell’autore e drammaturgo americano Neil Labute con la regia di Marcello Cotugno. Chiude “Castel d’autore”, domenica 8 settembre, un recital di Cochi Ponzoni che leggerà poesie di Riccardo Benvenuto.

E naturalmente le manifestazioni consolidate, diventate simbolo di un’Estate Castellana che è ormai una tradizione. Come la recita notturna nel borgo antico “La notte delle streghe”, il 17 agosto, una delle rappresentazioni popolari più seguite con le sue migliaia di presenze registrate ad ogni edizione.

E il recital teatral-musicale “Il revient à ma mémoire” (19 agosto), poesie e chansons di Francia tra Ottocento e Novecento”, con la splendida voce di Maria Sulli, l’estro recitante di Eugenio Giuliani e la chitarra di Antoine Mucciante.

A calare il sipario sulla lunga Estate Castellana, il Festival dei Borghi più belli d’Italia che festeggia un traguardo importante: nei giorni 5-6-7-8 settembre a Castel del Monte (nei giorni 7 e 8), Navelli (il 5) e Santo Stefano di Sessanio (il 6), si svolgerà infatti l’VIII edizione.

X